Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/prostituzione-ragazza-rumena-rumeno-Polizia-di-Stato-commissariato-Viminale-Fabio-Abis-89e1275e-3341-4c8d-89c3-4225828d0429.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Guidonia Montecelio (Roma)

Rapita, comprata e costretta alla prostituzione. Ragazza rumena si ribella, arrestati aguzzini

L'ha comprata per 3.200 euro da un suo connazionale per farla prostituire. Arrestati, su denuncia della vittima, un cittadino rumeno 37enne e la sua complice per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Ha scritto la parola 'fine', facendo arrestare il suo aguzzino ed anche la sua complice, all'incubo in cui si è all'improvviso ritrovata dopo aver conosciuto su Facebook un uomo, che di fatto, dopo averla drogata, l'ha rapita e portata in Italia contro la sua volontà. 

Le indagini discrete e complesse sono state avviate e portate a conclusione dagli uomini del Commissariato Viminale, diretto da Fabio Abis, lo scorso novembre dopo aver raccolto la denuncia della vittima: una giovane ragazza romena di 24 anni caduta nella rete della prostituzione.

Il suo incubo, come ha raccontato agli investigatori, è iniziato nell'ottobre scorso quando un uomo conosciuto su Facebook e poi incontrato di persona, somministrandole una sostanza soporifera in una bevanda e portandola in Italia contro la sua volontà, l'ha avviata alla prostituzione.

Dopo 10 giorni l'uomo, originario della Romania, ha deciso di venderla per 3.200 euro ad un altro suo connazionale 37enne ma la situazione della 24enne non è cambiata perché anche quest'ultimo ha iniziato a sfruttarla e a controllarne l'operato tramite un'altra prostituta. 

L'incubo della giovane rumena, caduta nella rete della prostituzione ed in pratica in condizione di schiavitù è peggiorata dopo la particolare 'compravendita' dovendo subire anche le angherie, oltre che del suo sfruttatore, anche della complice dell'uomo, un'altra prostituta tenuta a controllarne l'operato. Con la sua aguzzina, anche lei di nazionalità rumena, la ragazza condivideva un appartamento a Centocelle.

La donna rumena oltre che controllare i movimenti della vittima le impediva anche di uscire. E' stato quando la sua aguzzina si è allontanata da casa per andare in Romania che la ragazza è riuscita ha chiedere aiuto alla Polizia di Stato. La prostituta - A.B.A. - che la controllava è stata fermata dagli investigatori del Commissariato Viminale e dagli agenti della Polizia di Frontiera Area di Fiumicino proprio mentre si stava imbarcando a Fiumicino.

A seguito dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma, anche l'uomo, C.R.D., è stato arrestato dagli agenti del commissariato Viminale. Il 37enne, ristretto in carcere, dovrà rispondere del reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in concorso con la sua complice.
Condividi