Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
MONDO

La condanna di Strasburgo

Parlamento Ue: "L'Egitto dica la verità all'Italia su Giulio Regeni". Inquirenti italiani in Egitto

Gli inquirenti italiani che indagano sull'omicidio di Giulio Regeni sono stati invitati al Cairo al fine di essere informati degli ultimi sviluppi investigativi relativi alla morte" del ricercatore universitario. Il procuratore capo di Roma ha precisato che  l'incontro "sarà organizzato a breve".

Condividi
La plenaria del Parlamento europeo ha approvato praticamente all'unanimità (588 sì, 10 no, 59 astenuti) una risoluzione 'bipartisan' presentata da tutti i gruppi (tranne lo Efn di Le Pen e Salvini) che "condanna con forza la tortura e l'assassinio del cittadino europeo Giulio Regeni" in Egitto.

Il Parlamento "chiede" al Cairo di "fornire alle autorità italiane tutti i documenti e le informazioni necessarie" per l'inchiesta e sottolinea con "grave preoccupazione" che il caso Regeni "non è un incidente isolato".

Con la risoluzione adottata a Strasburgo, gli eurodeputati "chiedono alle autorità egiziane di fornire alle autorità italiane tutti i documenti e le informazioni necessarie per consentire un'inchiesta congiunta rapida, trasparente e imparziale sul caso Regeni".

Intanto il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone ha reso noto che gli inquirenti italiani che indagano sull'omicidio di Giulio Regeni sono stati invitati al Cairo al fine di essere informati "degli ultimi sviluppi investigativi relativi alla morte" del ricercatore universitario. Pignatone ha precisato che  l'incontro "sarà organizzato a breve". 


L'Italia farà di tutto per fare piena luce sull'omicidio di Giulio Regeni. I genitori del ricercatore ucciso al Cairo, Paola e Claudio, se lo sono sentito ribadire ieri e in maniera diretta dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che li ha ricevuti al Quirinale. Un incontro, seguito da quello con il premier Matteo Renzi, composto e riservato, caratterizzato da momenti di forte emotività.

Le parole del capo dello Stato servono innanzitutto a sottolineare la solidarietà dell'intero paese ma, anche, a ricordare per l'ennesima volta all'Egitto che l'Italia non accetterà mai verità di comodo o, peggio ancora, che le torture e le sevizie subite da Giulio rimangano senza un colpevole. Perche' e' proprio questo il timore degli inquirenti e degli investigatori del Ros e dello Sco che da ormai un mese sono al Cairo; un timore alimentato dai continui depistaggi che arrivano dall'Egitto, dalle versioni che cambiano ogni giorno e dalla mancanza di una vera collaborazione da parte delle autorità egiziane.

L'ennesima conferma è arrivata martedì con le parole del procuratore aggiunto di Giza Hassam Nassar, l'uomo che ha in mano l'indagine sulla morte di Giulio. Il magistrato ha infatti riferito che in base all'autopsia svolta dai medici egiziani, il ricercatore sarebbe morto "non più tardi delle 24 ore precedenti il ritrovamento del suo corpo, la mattina del 3 febbraio" e, dunque, "in un lasso di tempo compreso tra il 2 e il 3". Ma non solo: "le violenze che ha subito - ha detto - sono state inflitte tra le 10 e le 14 ore precedenti la sua morte". Peccato che l'esame svolto in Italia dica ben altra cosa e cioé che la morte del ricercatore risale al 30-31 gennaio, dunque almeno 2 giorni prima di quanto dicono le autorità del Cairo.

Così come soltanto adesso l'Egitto ha fatto sapere che l'ultima cella agganciata dal telefonino di Regeni pochi minuti prima delle 20 del 25 gennaio, non è quella che copre la sua abitazione - come le stesse autorità del Cairo avevano sempre sostenuto - ma una che impegna il ripetitore della stazione della metropolitana di El Bothoot, quella da dove Giulio avrebbe dovuto prendere il treno per raggiungere il suo amico nei pressi di piazza Tahir. Perché solo ora è emerso questo particolare, nonostante i tabulati fossero da tempo a disposizione delle autorità egiziane? Il sospetto di chi indaga è che sia stato reso noto solo nel momento in cui i filmati delle telecamere della stazione della metro non erano piu' recuperabili, perché si sono autocancellati.
 
E' anche per questo che investigatori e inquirenti, di fronte alla documentazione incompleta ricevuta, hanno rinnovato all'Egitto la richiesta dell'intero fascicolo d'indagine. In cima alle richieste c'e' il traffico dei cellulari che il 25 gennaio hanno impegnano la cella che  copre la zona attorno all'abitazione di Regeni e il traffico di quelli che il 3 febbraio sono stati agganciati dalla cella dove è stato ritrovato il corpo. Dati ritenuti fondamentali per risalire a chi ha torturato e ucciso il ricercatore. 
 
Condividi