Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/reina-club-locale-rinomato-vip-incontrano-bosforo-89f89777-a678-42a5-9cf3-83a574a07b3c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Istanbul

Reina club, luogo dove i vip si incontrano sul Bosforo

Frequentato da star straniere. La sicurezza era stata rafforzata

Condividi
Il 'Reina' nightclub di Istanbul, dove nella notte di capodanno un uomo armato ha fatto irruzione uccidendo almeno 39 persone, è molto rinomato tra i turisti stranieri e frequentato da giocatori di calcio turchi, stelline della tv e vip internazionali quali la cantante Kylie Minogue e lo 007 Danel Craig.
 
Inaugurato nel 2002, con le sue piste da ballo all'aperto, i bar e le terrazze dei ristoranti che si affacciano sul Bosforo, il locale si è guadagnato grande reputazione tra i giovani e l'elite laica della Turchia. Con il passare degli anni è diventato luogo di attrazione anche per i calciatori turchi e le star delle soap opera popolari trasmesse nel paese, così come per turisti e uomini d'affari provenienti da tutto il mondo. Oltre a Kylie Minogue e Danel Craig anche l'attrice Naomi Watts e il cantante Jon Bon Jovi sono tra le celebrità viste ultimamente tra gli ospiti, secondo GC Prive, una società di gestione patrimoniale di Londra che raccomanda il locale ai propri clienti.
 
La strage di capodanno non è stata del tutto inaspettata. Il proprietario del club, l'imprenditore Mehmet Kocarslan, ha detto ad Hurriyet che gli Usa avvertirono sul possibile rischio di un attacco e la sicurezza intorno al locale e lungo il fiume era stata rafforzata. Il nightclub è stato pure inserito nelle guide da viaggio come 'uno dei luoghi migliori della città.

Usa negano di aver saputo di minacce specifiche
Ma l'ambasciata americana ad Ankara ha negato che l'intelligence Usa sapesse in anticipo che un nightclub di Istanbul fosse a rischio di attentato terroristico. "Contrariamente ai rumors circolati sui social media, il governo Usa non aveva alcuna informazione su minacce a specifici luoghi di divertimento, incluso il Reina Club". Gli Usa "non hanno ammonito gli americani a stare lontani da luoghi specifici o dalle loro vicinanze", ha aggiunto l'ambasciata, precisando di aver emesso il 22 dicembre un 'monito generale per il periodo festivo' per la Turchia e varie parti d'Europa.

Un video girato prima dell'attentato pubblicato su YouTube mostra come il club appariva ai suoi avventori.

 
Condividi