Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/repubblica-centrafricana-morti-e3a927a4-ef71-4428-a83f-fcc94faee3a1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il Paese è nel caos

Repubblica Centrafricana, trovati 400 corpi

Continuano le violenze. In migliaia si sono rifugiati nell'aeroporto di Bangui, dove c'e' il quartier generale dei francesi. Il presidente ha annunciato tre giorni di lutto nazionale in memoria delle vittime dei massacri

Repubblica Centrafricana
Condividi
Migliaia di civili si sono rifugiati nell'aeroporto di Bangui, dove c'è il quartier generale delle truppe francesi e della forza africana, per sfuggire alle violenze in corso nella capitale. Lo scrive il quotidiano francese Le Monde. In città, intanto, continuano intanto le violenze. Secondo un primo bilancio, probabilmente destinato a crescere, Médecins sans Frontières ha contato almeno 130 morti negli ospedali, mentre la Croce Rossa ha trovato 394 corpi, dopo tre giorni di combattimenti.

L'Unione Africana ha deciso di aumentare il suo contingente da 3.600 militari a 6.000, mentre Parigi porterà le su eforze da 1.200 uomini a 1.600.

La risoluzione Onu. L'intervento francese avviene nell'ambito di una risoluzione Onu che ha deciso l'invio di una forza di peacekeeping per riportare la pace nel paese travolto dalla guerra civile fra le forze degli ex ribelli Seleka e del deposto presidente Francois Bozize. I violenti scontri tra cristiani e musulmani, nel solo giorno di giovedì, hanno provocato almeno 105 morti. ​
 
La posizione americana. Dagli Usa arriva l'elogio all'intervento francese. Il Dipartimento di Stato promette sostegno sul campo: gli Usa, annuncia un portavoce, "intendono fornire equipaggiamenti e aiuti logistici per 40 milioni di dollari e restano pronti ad assistere i partner panafricani e l'alleato francese qualora i bisogni aumentassero".  Il dipartimento di Stato ricorda peraltro come gli Usa abbiano votato e co-sponsorizzato la risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu che autorizza Parigi e il contingente panafricano a implementare il numero di effettivi dispiegati in quel Paese.
Condividi