Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/rigopiano-1-anno-dopo-abruzzo-commemorazione-farindola-penne-0f16f90e-839c-4dde-812e-286e9b9ce7b1.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Abruzzo

Rigopiano un anno dopo la valanga, il ricordo a Farindola

Familiari fin su resti hotel. Sindaco Penne: lo Stato non ha aiutato. Speciale "La valanga maledetta" di Rainews24. Mattarella: "Profonda ferita per il Paese".  Il Vescovo Valentinetti: "Quando ci sono morti tragiche, se ci sono responsabilità, vanno accertate". Laura Boldrini: "Fare piena chiarezza sulla vicenda"

Condividi
Rigopiano, un anno dopo. Il 18 gennaio 2017 una valanga travolse e distrusse l'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), provocando la morte di 29 persone. Oggi l'Abruzzo ospita una giornata di commemorazione. Le iniziative sono state promosse dal Comitato Vittime di Rigopiano, che riunisce superstiti e familiari degli scomparsi, in collaborazione con la Pro Loco di Penne (Pescara) e il patrocinio del Comune di Penne (Pescara).

Il sindaco di Penne, Mario Semproni, intervistato a 'Fuori gioco' di Radio Uno, parla di disattenzione da parte dello Stato. "Mi aspettavo più attenzione e più rispetto dalle istituzioni sovracomunali. Lo stesso presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, aveva promesso maggiore attenzione per la comunità pennese. Nulla però è stato fatto, aspettiamo ancora una sua visita". E aggiunge: "Perfino le strutture occupate dal campo base allestito nel palazzetto dello sport per i soccorsi di Rigopiano sono rimasti così come un anno fa perché lo Stato non ci ha aiutato e noi non abbiamo i soldi per ripristinare le infrastrutture". E in una lettera al presidente del Comitato delle vittime dell'Hotel di Rigopiano, Gianluca Tanda, il sindaco di Penne ha incitato al coraggio.

Deposta corona davanti resti resort
Con il suono del silenzio si è aperta a Rigopiano alle 9.48 la cerimonia di deposizione di una corona davanti l'ingresso di quello che resta del Resort di Rigopiano di Farindola (Pescara), alla presenza dei parenti delle 29 vittime, di diversi cittadini e delle autorità civili e militari. Di fronte al monumento che ricorda la tragedia di un anno fa. A presiedere la breve e toccante cerimonia il vescovo della Diocesi Pescara-Penne Monsignor Tommaso Valentinetti che nel corso della benedizione ha detto: "Concedi il riposo eterno ai fratelli e alle sorelle che hanno lasciato la vita terrena. Il sole che splende oggi si è appannato nel cuore di tutti coloro che sono qui. Signore noi ti chiediamo di ridarci ora questo sole e la pace eterna a coloro che non sono più fra noi". In seguito, partendo dal bivio Mirri di Farindola, con una fiaccolata, un corteo è giunto fino alla chiesa parrocchiale per assistere alla Santa Messa tenuta dall'arcivescovo Valentinetti, a Farindola, in ricordo delle 29 vittime.

Vescovo: "Responsabilità vanno accertate"
"Quando ci sono morti tragiche, se ci sono responsabilità, vanno accertate, ma noi non possiamo rimanere schiacciati sotto il peso del dolore, dobbiamo affrontarlo e andare al di là del dolore, a questo serve la fede". In una Chiesa gremita monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne, ha celebrato a Farindola la messa di commemorazione delle 29 vittime della tragedia di Rigopiano.

Boldrini: "Piena chiarezza sulla vicenda"
Anche per la presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini è necessaria chiarezza. ''È passato un anno - ha dichiarato Boldrini - ma la tragedia dell'Hotel Rigopiano è ancora viva nella memoria di tutti. Un Paese intero seguì con trepidazione, speranza, dolore le operazioni di soccorso, gioì per le persone messe in salvo, pianse per coloro che non ce l'avevano fatta. Sono vicina, anche a nome della Camera dei deputati, alle famiglie delle vittime e ai superstiti, e con loro esprimo l'auspicio che quanto prima sulla vicenda venga fatta piena chiarezza''. 

A Penne 29 piante di leccio per ricordare le vittime
Nel pomeriggio, alle 14.30, la commemorazione all'interno del Palazzetto dello Sport di Penne, diventato la base dei soccorritori durante i giorni della tragedia. In apertura i saluti di monsignor Valentinetti e la benedizione di 29 piante di leccio - una per ogni vittima - che saranno messe a dimora nei pressi della Cittadella dello Sport. A seguire la lettura di alcune poesie dedicate agli scomparsi, con l'intervervento dei rappresentanti dei Comitati Nazionali e l'esibizione di diversi artisti, tra i quali il tenore abruzzese Piero Mazzocchetti, accompagnato dall'Orchestra giovanile di fiati 'Claudio Monteverdi'.

Inoltre, interventi di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, fino alla chiusura, alle 18, affidata ai canti della 'Corale Monte Camicia' di Penne. Infine, su invito del comitato Vittime di Rigopiano, anche "Le stanze di Federico & Friends", con il brano 'Dove la neve non cade', versione corale realizzata dalla band 'Le stanze di Federico' insieme agli artisti emergenti più noti del panorama musicale abruzzese, proprio in occasione del primo anniversario della tragedia di Rigopiano.

La ricostruzione e le voci



Mattarella: "Profonda ferita per il Paese"
Dal Quirinale una nota del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella in occasione dell'anniversario della tragedia. "Ad un anno dalla tragedia dell'Hotel Rigopiano, profonda ferita per la comunità coinvolta e per il Paese intero, desidero rivolgere un commosso pensiero alle vittime e rinnovare la mia solidale vicinanza ai loro familiari e ai superstiti. Le angosciose immagini diffuse in quei giorni durante le operazioni di salvataggio, scandite dal repentino susseguirsi, con il passare del tempo, di sentimenti ora di speranza e ora di sconforto, sono presenti nel cuore e nella memoria di tutti, così come la straordinaria generosità dei soccorritori, impegnati in attività di particolare complessità e in condizioni di estremo pericolo, a testimonianza dell'autentica solidarietà corale che il popolo italiano riesce a offrire nelle prove più drammatiche".

Lo speciale di Rainews24
"La valanga maledetta" è il titolo dello speciale, andato in onda su Rainews24, oggi alle 12, dedicato alla tragedia dell'Hotel Rigopiano. A un anno dalla sciagura in cui persero la vita 29 persone, l'inviata di Rainews24, Silvia Balducci, tornata a Rigopiano, e assieme agli inviati del Tg regionale, ha ricordato la tragedia, gli allarmi inascoltati, raccolto le testimonianze dei sopravvissuti, raccontato l'opera dei soccorritori. Lo speciale, in diretta da Farindola, a cura della redazione Cronaca, è stato condotto da Isabella Romano e ha ricostruito i fatti che hanno sconvolto la vita anche a chi a quella valanga è sopravvissuto.

 
"La tragedia e la rinascita", storia di Nicola ed Elia



Il racconto del padre di una delle vittime



Faye Dame il senegalese dimenticato dallo stato

Condividi