Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/roma-antitrust-multa-ama-raccolta-indumenti-fini-commerciali-d6232258-97bb-472a-b0e9-ec91f67d8723.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Le informazioni sui cassonetti fuorvianti

Roma, Antitrust: multa da 100mila euro per Ama. Raccolta vestiti usati per fini commerciali

Multe anche ai consorzi, Sol.co e Bastiani, per altri 110mila euro. Sol.co è tra l'altro anche coinvolto nell'inchiesta Mafia Capitale anche per il commercio di indumenti usati

Cassonetti raccolta abiti
Condividi
Un'altra tegola su Ama, finita anche al centro delle indagini di Mafia Capitale. Ora a sanzionare la municipalizzata romana è l'Antitrust con una maximulta da 100 mila euro per "pratiche commerciali scorrette" relative alle informazioni sui cassonetti gialli per la raccolta dei vestiti. Dalle scritte "si poteva ritenere che la raccolta" fosse per "fini umanitari mentre si è accertato l'uso a fini commerciali". Multe anche a due consorzi, Sol.co e Bastiani, per altri 110mila euro.

La multa complessivamente è dunque di 210mila euro. Il consorzio Sol.co è tra l'altro anche coinvolto nell'inchiesta Mafia Capitale anche per il commercio di indumenti usati.

L'Antitrust
Secondo l'Antitrust le informazioni date ai consumatori sui cassonetti e sul sito internet dell'Ama facevano pensare alla beneficenza mentre, dall'inchiesta della Procura di Roma, è emerso un uso commerciale. Per l'Antitrust Ama non ha adeguatamente vigilato sull'attività dei consorzi.

La risposta di Ama
"Ama rende noto di aver già chiarito all'Autorità preposta che sono state messe in atto tutte le azioni volte a sollecitare i fornitori del servizio di raccolta differenziata di indumenti usati a provvedere alla collocazione di adesivi informativi conformi al modello loro fornito dall'azienda prima dell'avvio del servizio stesso. Ciò è avvenuto ben prima dell'avvio del presente procedimento da parte dell'Antitrust" si legge in una nota di Ama.

"Come riconosciuto dalla stessa Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - spiega la nota - Ama è inoltre intervenuta per implementare una sezione del sito in cui vengono evidenziati i dati relativi ai soggetti che effettuano la raccolta di indumenti usati, fornendo tutte le informazioni nella massima trasparenza. Gli indumenti usati vengono raccolti in contenitori gialli collocati su tutto il territorio di Roma esclusivamente come frazione per la raccolta differenziata. Vengono poi valorizzati attraverso le apposite filiere di recupero, come avviene per altre tipologie di rifiuto raccolte in contenitori dedicati (vetro, carta, metalli, ecc.). Ama, una volta notificata la sanzione e lette le motivazioni di tale atto, si riserva di avviare ogni futura azione a propria tutela"
Condividi