Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/roma-chiede-di-applicaretassametro-e-tassista-gli-rompe-il-naso-f770bea0-2685-4666-9e80-458f37dc5d80.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Aeroporto di Fiumicino

Roma. Chiede di applicare tassametro e tassista gli rompe il naso

La violenta scena, ripresa dalle telecamere posizionate nell'area esterna Arrivi del terminal 3, è avvenuta nella totale indifferenza sia degli altri tassisti e degli addetti volontari del "Taxi Service" che si occupano di assistere i passeggeri che richiedono il servizio di trasporto, sia delle altre persone in transito. Raggi: "Chiederò ritiro della licenza". Sindacati: "Fatto vergognoso. Intervenga Prefetto"

Condividi
Un violento pugno in faccia solo per aver chiesto l'applicazione del tassametro. E' l'incredibile disavventura toccata all'aeroporto "Leonardo da Vinci" ad un passeggero appena sbarcato nella capitale da Madrid. Il tassista è stato identificato dalla Polizia di Stato e accusato di lesioni per futili motivi: la vittima, assistita e medicata nel pronto soccorso aeroportuale di Adr e poi trasferita all'ospedale Cto di Roma, ha riportato una frattura del setto nasale giudicata guaribile in 30 giorni.

Tutto si è consumato nel giro di pochissimi minuti. Il passeggero, rivoltosi a un tassista in regolare servizio, solo per aver chiesto l'applicazione del tassametro per una corsa dallo scalo aereo alla capitale, è stato aggredito: la violenta scena, ripresa dalle telecamere posizionate nell'area esterna Arrivi del terminal 3, è avvenuta nella totale indifferenza sia degli altri tassisti e degli addetti volontari del "Taxi Service" che si occupano di assistere i passeggeri che richiedono il servizio di trasporto, sia delle altre persone in transito. 

Nel video appare l'uomo che si rivolge al tassista, che appare fin da subito visibilmente irritato, al punto da rifiutare il carico dei bagagli: mentre è in corso la discussione fra i due, un assistente del servizio taxi con indosso un fratino giallo fa salire a bordo della stessa vettura un altro cliente, mentre il tassista si rimette alla guida. Il primo viaggiatore, infastidito, bussa più volte sul vetro posteriore della vettura per chiedere spiegazioni e il tassista infuriato, scende e a passo spedito, gli va incontro e lo colpisce con un pugno in pieno volto. L'uomo cade all'indietro mentre il tassista riparte alla guida dell'auto con l'altro cliente a bordo. 


Raggi: "Inaccettabile aggressione. Chiederò il ritiro della licenza"
"Inaccettabile l'aggressione di un tassista ai danni di un turista a Fiumicino. Ringrazio la Polizia di Stato per aver individuato l'autore della violenza, per il quale chiederò il ritiro della licenza". Cosi' la sindaca di Roma, Virginia Raggi su Twitter.


Sindacati: "Fatto vergognoso. Intervenga Prefetto"
"Il vergognoso fatto avvenuto nei giorni scorsi presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino, dove un passeggero in transito, per futili motivi è stato colpito da un pugno in pieno volto scagliato da un tassista, conferma ulteriormente le denunce che da tempo facciamo, purtroppo puntualmente cadute nel vuoto". Lo affermano in una nota le segreterie romane del comparto taxi di Fit Cisl Lazio, Uil Trasporti Lazio, Ugl taxi, Federtaxi Cisal ed Ati taxi. 

"Premesso che qualsiasi atto di violenza va duramente condannato ed auspichiamo sanzioni severe per chi si è reso protagonista in negativo di tale fatto, - aggiungono - dobbiamo però necessariamente ricordare come da tempo denunciamo quanto avviene a Fiumicino, dove in particolare presso il terminal di arrivo dei voli internazionali, vige un clima di illegalità diffusa in funzione del quale, oltre ai tradizionali abusivi che tentano di offrire passaggi a cifre esorbitanti a utenti bisognosi di essere trasportati verso la Capitale e le aree limitrofe, anche numerosi operatori Ncc ed alcuni tassisti regolari, sembra si sentano autorizzati a poter fare di tutto".

Siamo arrivati alla paradossale situazione - prosegue la nota - in cui i tavoli di un bar sono stati trasformati in una sorta di ufficio nel quale i noleggiatori che procacciano abusivamente, spesso con atteggiamenti aggressivi e violenti verso chi tenta di contrastarli, dopo aver adescato clienti, compilano i propri fogli di servizio. Avevamo già chiesto in passato al Sindaco di Fiumicino Esterino Montino di farsi carico di questa situazione intensificando i controlli della municipale e pochi giorni fa, avevamo inviato l'ennesima lettera di denuncia in Prefettura, senza ricevere purtroppo alcuna risposta. Questo increscioso fatto - conclude la nota - dimostra che non si può più rimandare l'istituzione di un presidio fisso di forze dell'ordine, sul modello di quanto fatto presso lo scalo ferroviario della stazione Termini, al fine di garantire sicurezza e legalità per gli utenti e gli operatori del settore". 
Condividi