Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/russiagate-manafort-consegna-fbi-c0411a84-c1aa-4ebc-bd88-4294d5608445.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Ex responsabile campagna elettorale di Trump

Russiagate, Paul Manafort si consegna a Fbi a Washington

Anche Rick Gates, ex socio Manafort, si consegna all'Fbi. Al centro dell'inchiesta, le interferenze di Mosca nelle presidenziali Usa, i presunti legami tra il comitato elettorale di Donald Trump e il Cremlino e il possibile intralcio alla giustizia da parte dell'attuale presidente americano. Manafort e Gates si dichiarano "non colpevoli"

Condividi
Paul Manafort, l'ex capo della campagna elettorale di Trump indagato nel Russiagate, si è presentato nella sede dell'Fbi di Washington.

Manafort, ex responsabile della campagna elettorale di Donald Trump, si è costituito all'Fbi davanti al procuratore speciale statunitense Robert Mueller. Lo ha riferito la Cnn. Era stato incriminato venerdì scorso nell'ambito dell'indagine sul Russiagate guidata da Mueller e gli era stato chiesto di consegnarsi. Al centro dell'inchiesta ci sono le interferenze di Mosca nelle presidenziali Usa, i presunti legami tra il comitato elettorale di Donald Trump e il Cremlino e il possibile intralcio alla giustizia da parte dell'attuale presidente americano.

Le accuse contro Manfort segnano una significativa escalation in un'inchiesta che getta un'ombra su Trump che si appresta a celebrare il primo anniversario della sua elezione. Secondo il New York Times, a Manafort era stato chiesto di consegnarsi alle autorità federali e, con lui, è stato chiamato in causa anche Rick Gates, suo ex socio in affari. Il suo nome, secondo il quotidiano newyorchese, è apparso su documenti collegati alle aziende che l'impresa di Manafort creò a Cipro per ricevere denaro da politici e imprenditori dell'Europa dell'est.

Manafort e Gates si dichiarano "non colpevoli"
Paul Manafort e il suo ex socio Rick Gates, si sono dichiarati "non colpevoli" nella prima udienza di conferma dell'incriminazione chiesta dal procuratore speciale sul Russiagate, Robert Mueller.

12 capi d'accusa per Manafort
C'è anche la cospirazione contro gli Usa tra i 12 capi di accusa contro Manafort e Rick Gates. Tra gli altri capi di accusa il non essersi registrati come agenti di uno stato straniero, aver fatto dichiarazioni false e fuorvianti, riciclaggio e omessa denuncia di conti su banche straniere. Manafort sarebbe anche accusato di evasione fiscale. 
 
Rick Gates, ex socio Manafort, si consegna a Fbi 
Anche Rick Gates, ex socio di Paul Manafort, si è consegnato all'Fbi nell'ambito delle indagini sul Russiagate condotte dal procuratore speciale Robert Mueller.

Sul caso twitta il presidente Trump
 
 
Papadopoulos ammette: ho mentito a Fbi
Un altro consulente della campagna presidenziale di Donald Trump, George Papadopoulos, ha ammesso di avere mentito all'Fbi riguardo ai suoi contatti con la Russia. In particolare l'ex consigliere per la politica estera ha incontrato un professore con legami con il governo russo per avere informazioni che avrebbero potuto danneggiare la rivale democratico Hillary Clinton di Trump.

Papadopoulos si è quindi dichiarato colpevole per aver reso false dichiarazioni e di aver omesso del materiale durante un interrogatorio con gli agenti dell'FBI avvenuti nel mese di gennaio nell'ambito delle indagini sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller. Papadopolous ha mentito all'Fbi "sui tempi, l'estensione e la natura dei suoi rapporti e della sua interazione con certi stranieri che aveva capito avere strette connessioni con alti dirigenti del governo russo", si legge negli atti giudiziari.
Condividi