Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/scandalo-a-sfondo-sessuale-Commissione-europea-chiede-a-Oxfam-di-chiarire-le-accuse-tolleranza-zero-pronti-a-tagliare-fondi-bae6c2ad-d7b2-446d-9331-01daf590da04.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Ue: Oxfam chiarisca le accuse, tolleranza zero. Si dimette la vice direttrice

L' organizzazione umanitaria è stata travolta dalle critiche e dalle polemiche dopo che il Times ha pubblicato un'inchiesta svelando come nel 2011, personale di Oxfam aveva ingaggiato prostitute, anche giovanissime, ad Haiti. Accuse analoghe sono state successivamente sollevate anche per l'operato di altri operatori umanitari nel 2006 in Ciad

La vice direttrice esecutiva di Oxfam, Penny Lawrence
Condividi
​La vice direttrice esecutiva di Oxfam, Penny Lawrence, si è dimessa prendendosi "tutta la responsabilità" per il comportamento dello staff dell'organizzazione umanitaria in Ciad e Haiti e ha detto di "vergognarsi" che tutto sia successo sotto il suo controllo. La Lawrence era entrata a far parte di Oxfam nel 2006 come direttrice per i programmi internazionali, gestendo missioni in 60 Paesi.

Oxfam è stata aspramente criticata per il modo in cui ha gestito lo scandalo. Un'inchiesta interna portò al licenziamento di quattro membri dello staff e alle dimissioni di altri, incluso il direttore di Oxfam nel Paese. Ma l'organizzazione  è stata accusata di aver insabbiato la vicenda.  

La Commissione Ue aveva invitato Oxfam a "fare piena luce" sul coinvolgimento di alcuni membri della Ong nello scandalo sessuale ad Haiti, minacciando di tagliare i finanziamenti. "Stiamo aspettando che l'organizzazione faccia luce con urgenza su questo argomento - ha detto una portavoce a Bruxelles - altrimenti siamo pronti a smettere di finanziare organizzazioni che non rispettano le regole etiche".

"La Commissione europea si aspetta dai suoi partner il rispetto delle regole etiche e osserva una tolleranza zero nei confronti delle accuse di abuso commesse da organizzazioni che beneficiano dei suoi finanziamenti", ha aggiunto la funzionaria. 

Il presidente del consiglio fiduciario di Oxfam, Caroline Thomson, aveva annunciato in una nota una serie di misure per rafforzare la prevenzione e il trattamento dei casi di abuso sessuale, dopo lo scandalo tirato fuori dal Times e riguardante il comportamento che avrebbero tenuto alcuni rappresentanti della ong nel 2006 in Ciad e nel 2011 ad Haiti. 

Oxfam, che ha sede nel Regno Unito, ha beneficiato di 1,7 milioni di euro di finanziamenti europei nel 2011, l'anno a cui risalgono gli episodi incriminati. Alcuni responsabili dell'ong sono accusati di aver assoldato delle giovani prostitute locali nel 2011 nel costo si una missione successiva al disastroso sisma del 2010.
Condividi