Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/scuola-oggi-sciopero-scuola-1e178882-6655-456d-875a-88cc339f0e81.html | rainews/media/ | (none)
ITALIA

Scuola

Sciopera il personale scolastico, protesta davanti al ministero dell'Istruzione sulle graduatorie

L'azione è stata indetta da Anief e Saese ma anche dai Cobas

Condividi
Circa 5mila lavoratori, provenienti da tutta Italia, stamattina hanno invaso le piazze di Roma, per poi ritrovarsi in oltre mille davanti al Ministero dell'Istruzione, "dove è stata ribadita la richiesta di trovare con celerità una soluzione per decine di migliaia di precari con diploma magistrale cacciati dalle graduatorie ad esaurimento da una sentenza del Consiglio di Stato".

I numeri sullo sciopero di stamane li ha forniti l'Anief che ha indetto, insieme a Saese ma anche dai Cobas (limitatamente, in questo caso, ai docenti di scuola dell'infanzia e primaria) la manifestazione odierna. 

A metà mattinata una delegazione Anief è salita al Ministro dell'Istruzione per incontrare i dirigenti ministeriali che si occupano della questione: il sindacato ha chiesto di sospendere tutti i ricorsi al giudice amministrativo e al giudice del lavoro, in attesa del parere della Cassazione, dopo il deposito della richiesta di annullamento della sentenza dell'Adunanza Plenaria n. 11/2017 e della denuncia presso la Corte europea dei diritti dell'uomo. 

Anche ai parlamentari riuniti durante l'insediamento delle Camere è stata presentata la richiesta per l'approvazione di un decreto legislativo per riaprire le GaE (graduatorie ad esaurimento) ed è stata illustrata la piattaforma sindacale Anief. 

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, parlando ai manifestanti, ha detto di avere "chiesto a gran voce di non attuare alcun provvedimento ferma-contratti, poiché occorre fermarsi e aspettare la Cassazione per salvare i contratti. A partire dai maestri con diploma magistrale già entrati di ruolo da GeE: sarebbe assurdo che coloro che hanno svolto l'anno di prova e si sono visti pure confermare il ruolo possano ritrovarsi precari in graduatoria d'Istituto. Chiediamo, quindi il massimo rispetto per le nostre richiesta, confortate pure dall'accoglimento del parer dell'ex presidente della sezione Lavoro della Cassazione Michele De Luca. Inoltre - ha concluso il sindacalista autonomo - è giunto il momento di rimettere mano una volta per tutte al sistema del reclutamento in questo Paese".
Condividi