Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/serie-A-campionato-Juventus-Verona-fe74125d-53f7-470b-b42b-3e5d1778d858.html | rainews/live/ | true
SPORT

Serie A, anticipo della quarta giornata

Sofferenza Juventus, Verona piegato 2-1 in rimonta

Quanta fatica per i campioni d'Italia, sotto per un gran sinistro di Veloso. Pareggia Ramsey, al debutto dal 1', poi gol vittoria di Cristiano Ronaldo su rigore. Ma nel finale l'Hellas spreca varie occasioni per pareggiare

Condividi
di Nicola Iannello La Juventus ha ragione di un Verona coriaceo e mai domo al termine di una partita sofferta. I campioni d’Italia vincono 2-1, ma il risultato nasconde le difficoltà incontrate al cospetto di un avversario di livello inferiore. Sospiro di sollievo per i tifosi dello ‘Stadium’ e qualche rammarico per l’Hellas, che ha affrontato i bianconeri con buon piglio e nessun timore. L’anticipo delle ore 18 del sabato della quarta giornata di serie A proietta la Juve a 10 punti, mentre il Verona si ferma a 4, dopo il pareggio col Bologna, la vittoria a Lecce e il ko col Milan.
 
Turnover per Sarri con il consueto 4-3-3: Buffon; Danilo, Bonucci, Demiral, Alex Sandro; Ramsey, Bentancur, Matuidi; Cuadrado, Dybala, Ronaldo. Per Buffon, Demiral e Ramsey debutto da titolare. Jurić risponde con il 3-4-2-1: Silvestri; Rrhamani, Kumbulla, Günter; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazović; Zaccagni, Verre; Di Carmine. Arbitra La Penna di Roma.
 
Pronti, via, e Cuadrado spreca dal limite. Pallino sempre in mano ai padroni di casa. Iniziative anche di Matuidi (corpo a corpo in area con Amrabat, para Silvestri) e CR7 (destro alto di poco). Proteste juventine per una cintura di Faraoni su Ronaldo al 17’, ma La Penna sorvola. L’arbitro romano invece non ha dubbi su un contatto tra Demiral e Di Carmine in area bianconera al 19’, ma dal dischetto lo stesso Di Carmine colpisce il palo e sulla rispinta Lazović centra la traversa (20’). Ma il gol dell’Hellas è rimandato di pochi secondi: su respinta della difesa, Veloso dai 20 metri controlla e lascia partire un sinistro che va a insaccarsi all’incrocio dei pali alla destra di Buffon (20’). La reazione della Juve è in un destro basso di CR7 fuori di poco. Arriva subito il pareggio dei campioni d’Italia con un destro di Ramsey dalla distanza, deviato da Günter (31’).
 
Nella ripresa, Demiral rischia il pasticcio servendo Di Carmine, poi Bonucci mette in corner la conclusione del gialloblù. La Juve si scuote e ottiene un rigore con una volata sulla destra di Cuadrado, interrotta fallosamente da un tackle di Günter: Ronaldo batte Silvestri con un penalty centrale (49’). Sarri inserisce Pjanić per Bentancur al 51’. Buona combinazione Dybala-Ramsey-Ronaldo, tiro deviato in angolo. La Juve prende il comando delle operazioni e manda al tiro Dybala e Ramsey che però non inquadrano il bersaglio. Pessina per Verre nell’Hellas al 59’. Nella Juve Khedira rileva un buon Ramsey al 61’. Grossa chance per il Verona al 69’: una punizione di Veloso viene respinta da Buffon in mezzo all’area, Di Carmine batte da due passi centrando la schiena di Bonucci. Ultimo cambio nella Juve: Higuain per Dybal al 72’ (Tutino per Zaccagni nei gialloblù). Brivido per Buffon al 75’ su cross insidioso di Veloso, il portierone smanaccia sopra la traversa. Clamorosa doppia chance per gli ospiti all'89’: prima Lazović impegna Buffon con una conclusione al volo da distanza ravvicinata, poi Veloso scheggia l’esterno del palo sulla respinta. Al 94’ Kumbulla atterra Matuidi appena prima dell’ingresso in area, secondo giallo e Verona in dieci nei secondi finali. Sospiro di sollievo dello ‘Stadium’ al fischio finale.
Condividi