Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/shutdown-fe3fa29c-ae57-469e-b296-dc3108781a89.html | rainews/live/ | true
MONDO

Ventottesimo giorno di fermo per il governo federale

Shutdown, la delegazione Usa diserta Davos. Negato volo alla Pelosi

​Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha cancellato la partecipazione della delegazione americana all'annuale conferenza internazionale di Davos, spiegando che era necessario che i funzionari rimanessero a Washington per fronteggiare lo shutdown del governo federale

Condividi
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha cancellato la partecipazione della delegazione americana all'annuale conferenza internazionale di Davos, spiegando che era necessario che i funzionari rimanessero a Washington per fronteggiare lo shutdown del governo federale. In una nota ufficiale della portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders, si legge che "in forma di rispetto per gli 800mila lavoratori che non stanno ricevendo gli stipendi e per assicurare loro che la migliore assistenza possibile, il presidente Trump ha cancellato il viaggio a Davos della sua delegazione".


L'annuncio della Casa Bianca segue la decisione di Trump di negare alla Speaker della Camera, Nancy Pelosi, un volo militare per una visita a Bruxelles e in zone di guerra in Afghanistan. "Considerando gli 800.000 grandi lavoratori americani che non ricevono lo stipendio...il presidente Trump ha cancellato la visita della sua delegazione" a Davos, ha scritto la portavoce Sarah Sanders in una nota. Il vertice economico è in calendario dal 22 al 25 gennaio.
 


Ma quella contro la democratica Pelosi, leader di maggioranza alla Camera, è apparsa come una ripicca personale. La parlamentare italo americana non si è solo rifiutata di cedere a Trump nel bilancio del governo i fondi per la muro al confine con Messico. Gli ha anche chiesto di rinviare il discorso sullo Stato dell'Unione previsto in Congresso il prossimo 29 gennaio o di farlo dallo Studio Ovale. Lo shutdown, arrivato al suo 28esimo giorno, è il più lungo della storia Usa e riguarda 800.000 lavoratori rimasti a casa o costretti a lavorare senza stipendio, agenti dell'Fbi compresi.    

"Chiaramente se vuoi fare il tuo viaggio a bordo di un volo commerciale, questa resta una tua prerogativa", è stata la provocazione del miliardario che ha definito la visita della Pelosi "di pubbliche relazioni". Secondo il capo della commissione Intelligence della Camera, il democratico Adam Schiff, è la prima volta nella storia che un presidente nega allo Speaker della Camera un volo di Stato per una visita in una zona di guerra. La first lady Melania è invece volata in Florida a bordo dell'Air Force One per trascorrere un lungo weekend di vacanza visto che lunedi' sara' festa per il Martin Luther King Day.

Media, Trump ordinò a Cohen di mentire al Congresso
Donald Trump ordinò al suo ex avvocato Michael Cohen di mentire al Congresso sulle trattative per costruire una Trump Tower a Mosca. È quanto emerge dalle carte in mano al procuratore speciale che indaga sul Russiagate, Robert Mueller, secondo quanto riporta il sito BuzzFeed citando fonti investigative. Trump avrebbe anche appoggiato il piano messo a punto da Cohen di recarsi in visita in Russia durante la campagna presidenziale con l'obiettivo di incontrare il presidente Vladimir Putin. "Fai che avvenga", avrebbe detto ilt ycoon al suo legale.
Condividi