Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/sindaco-arrestato-lucano-celebrato-solo-un-matrimonio-bac18f60-78c0-4ef0-89bf-f80da20525db.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Tribunale di Locri

Il sindaco di Riace: "Ho celebrato un solo matrimonio, e non era combinato"

Interrogatorio di garanzia davanti al gip per Domenico Lucano, che ha spiegato: mai preso soldi 

Condividi
"Io non ho mai guadagnato, né preso soldi da alcuno. A chi voleva darmeli ho sempre detto di devolverli in beneficenza. A Riace sono stati usati soldi pubblici solo per progetti relativi ai migranti e per alleviare sofferenze, opportunità di lavoro e di integrazione o dare una vita migliore a perseguitati o richiedenti asilo". Lo ha detto il sindaco di Riace, Domenico Lucano, nell'interrogatorio di garanzia davanti al gip di Locri, Domenico Di Croce, durato circa quattro ore. 

Un solo matrimonio
 "Perché parlano di matrimoni al plurale? E' stato solo uno, ma non è stato combinato. Abbiamo fatto le pubblicazioni, come in tutte le cose regolari. Mi sembra una cosa assurda, c'è stato un passaggio del Gip che dice "purtroppo è un reato di umanità",  ha detto Domenico Lucano uscendo dal palazzo di giustizia di Locri. Lucano è stato arrestato martedì per aver favorito l'immigrazione clandestina combinando, secondo l'accusa, matrimoni irregolari, oltre che per aver affidato in maniera irregolare il servizio di raccolta rifiuti nel suo Comune.  

"Posso comunicare e ricevere persone" 
In attesa della decisione del Gip sulla sua scarcerazione, il sindaco di Riace non ha restrizioni nel comunicare o nel ricevere persone. Lo ha riferito lui stesso ai giornalisti, dopo l'interrogatorio di garanzia davanti al Gip. "Mi ha detto: lei sindaco può ricevere, può telefonare, non le abbiamo fatto delle restrizioni, non la stiamo trattando come tutti perché capiamo". 

"Non ho nulla da nascondere"
"Non ho nulla da nascondere e da non dire, tutto quello che so lo dico, tutto" aveva detto il sindaco entrando nel Tribunale di Locri per l'interrogatorio di garanzia davanti al Gip. Lucano ha detto anche che non si aspettava le tante attestazioni di solidarietà pervenutegli.  

Condividi