Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/stabile-occupato-elemosiniere-fatto-per-bambini-no-caso-politico-salvini-chi-paga-e-fesso-399c1fad-338e-464d-ac81-94ab64cad84c.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Stabile occupato

Elemosiniere: "L'ho fatto per i bambini, 'no' caso politico". Salvini: "Chi paga è fesso?"

Nel caso il Cardinale venisse denunciato, "siamo pronti ad autodenunciarci tutti" annuncia Andrea Alzetta di Spin Time. Suor Adriana: "Il ministro venga a vedere la situazione. Le istituzioni devono rispondere a un problema così grave e diffuso" come l'emergenza abitativa. Fonti fanno sapere che Acea ha presentato l'esposto contro ignoti: atto dovuto

Condividi
Il gesto del cardinale Konrad Krajewski, Elemosiniere del Papa, di riattivare la luce in uno stabile occupato nel centro di Roma, che ospita 450 persone, di cui un centinaio di bambini, sta suscitando ancora polemiche. L'Alto Prelato - dalle pagine del Corriere della Sera - continua a ripetere che si "assume la responsabilità" di quello che ha fatto. Ma spiega: "Non voglio che diventi una cosa politica", "l'ho fatto per i bambini" e "sono pronto a pagare le bollette. Da questo momento, da quando è stato riattaccato il contatore, pago io, non c'è problema".

Sulla vicenda è intervenuto, il ministro dell'Interno, Matteo Salvini che ironicamente si domanda: "Ma allora tutti gli italiani che pagano bollette, mutui, stanno in case popolari sono fessi? Sostenere l'illegalità non è mai un buon segnale". E nel corso di una intervista radiofonica - questa mattina a Radio24 - illustra che "c'è un piano di sgomberi in tutta Italia che le prefetture stanno già portando avanti perché la proprietà privata è sacra a prescindere da quello che fa questo o quel cardinale". "Quel palazzo - continua - mi risulta essere di proprietà dell'Inps, che si occupa di pensionati". Al cardinale, che ha detto ironicamente che pagherà le bollette anche al ministro, il vicepremier replica che "Salvini le sue bollette se le paga".

Acea: Presentato esposto
 Areti, la società di Acea che gestisce la rete di distribuzione a Roma, secondo quanto si apprende ha presentato l'esposto contro ignoti alle forze dell'ordine per l'allaccio effettuato da cardinale Konrad Krajewski nello stabile occupato da Spin Time. L'atto, come spiegano le fonti, è dovuto perché l'allaccio è abusivo e, sostanzialmente, il reato che si prefigura è quello di furto di energia. In attesa di decisioni, sottolineano le fonti, sarebbe fondamentale rientrare nello stabile per mettere in sicurezza la cabina.

Action: "Se Cardinale venisse denunciato, siamo pronti ad autodenunciarci tutti"
"Nel caso in cui l'elemosiniere del Papa venisse denunciato, siamo pronti ad autodenunciarci tutti" annuncia nel frattempo Andrea Alzetta di Spin Time commentando il gesto dell'elemosiniere del Papa che ha rotto i sigilli al contatore di uno stabile occupato a Roma. "Il Cardinale Krajweski ha obbedito al Vangelo - ha aggiunto - ha guardato prima ai bisogni delle persone che soffrono. La legalità se non è collegata alla giustizia sociale è un contenitore vuoto".

Suor Adriana: "Salvini ci venga a trovare"
"Di fronte a un problema di salute e di vita delle persone, una risposta del genere non me l'aspettavo. Mi aspettavo ben altro, mi aspettavo un intervento suo, anche personale, all'interno di questo posto". Lo afferma all'Adnkronos suor Adriana Domenici, la missionaria laica che si è battuta per il ripristino dell'elettricità nel palazzo occupato di via Santa Croce in Gerusalemme fino all'intervento del cardinale Konrad Krajewski che ha riattaccato la corrente, commentando le polemiche divampate dopo il gesto del cardinale e le parole del ministro dell'Interno Matteo Salvini secondo il quale l'elemosiniere del Papa ora deve pagare anche le bollette.

Secondo suor Adriana, Salvini dovrebbe venire a vedere con i suoi occhi la situazione nel palazzo occupato: "Magari! Farebbe un'azione giusta anche per vedere come funziona l'occupazione, chi sono le persone all'interno, la loro storia, la loro vita". Per la missionaria laica "le istituzioni devono rispondere a un problema così grave e diffuso. L'occupazione è diventata quasi una norma perché non c'è più possibilità di sopravvivenza - sottolinea - Se non fosse per la chiesa questa gente dove starebbe? Dove sarebbe se non ci fossero le mense, le offerte di vestiario?".
 
Condividi