Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/stadio-roma-meloni-decisione-grillo-non-raggi-bdbeb22b-c2bd-4be8-b8f0-be63cd705ccd.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il leader di Fratelli d'Italia a "In 1/2 ora"

Stadio di Roma, Meloni: "La decisione è di Grillo non di Raggi"

Per le amministratve, Giorgia Meloni parla di un "listone" di tutto il centrodestra sui temi del sovranismo 

Condividi
 "Ho sempre detto che ero favorevole allo stadio della Roma, come a quello della Lazio. Su Tor di Valle pendeva il giudizio sulla validità del terreno. Io non ho capito: su quel terreno si può costruire o no?  un tema tecnico non politico". Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di FdI, intervistata a "In Mezz'ora".    Sul progetto approvato dalla Giunta Raggi, Meloni ha detto di non poter dare un giudizio: "non ho elementi di valutazione perché non ho gli elementi del sindaco Raggi. Io sono consigliere comunale, eppure non ho mai visto il progetto su cui ha lavorato il sindaco". Quanto alla querelle interna a M5s sullo Stadio e la successiva decisione, Meloni ha commentato: "è stata una decisione di Beppe Grillo". 

M5S, non si fa tirocinio da sindaco di Roma
"Io spero che il M5S governi a Roma, mi ha fatto sorridere sentire Di Battista dire 'noi stiamo facendo esperienza': io non penso che si debba fare il tirocinio da sindaco di Roma, il tirocinio lo fai da consigliere, altrimenti si butta una città in ginocchio", ha detto Meloni.  A livello nazionale "M5S pensava di fare la rivoluzione e poi quando si sono ritrovati nelle Aule sono caduti nei tipici errori della politica politicante. Non scorderò mai i bastoni tra le ruote che mi hanno messo sulla proposta contro le pensioni d'oro solo perché non erano loro a proporle", ha detto ancora Meloni. E a proposito della presenza in piazza della sindaca di Roma, Virginia Raggi, durante le proteste dei tassisti, il leader di Fratelli d'Italia ha detto:  "Virginia Raggi insieme ai tassisti in piazza rischia di rubare terreno alla destra sulle battaglie sociali? "No, io l'ho visto più come il tentativo di distrarre i romani e non solo dalla totale inutilità dell'amministrazione Raggi. Un tentativo di spostare l'attenzione, ma quello che sta accadendo è sotto gli occhi di tutti". 

Centrodestra, per vincere serve credibilità no ammucchiata
"Il centrodestra se presenta una proposta seria e credibile, non un'ammucchiata, che mette al centro i temi della sovranità può vincere le prossime elezioni", ha detto Meloni. "A me interessa costruire qualcosa che dia un futuro agli italiani non poltrone nell'ambito di quello che è credibile, più siamo e meglio è ma bisogna darsi delle regole, idee chiare, metodi chiari per la selezioni della classe dirigente, io ho proposto anche una clausola anti inciucio". Per la leader di Fdi "ci possono essere i margini per mettere insieme Salvini, noi e Forza Italia, per presentarci con una proposta ampia e condivisa, le sintesi si possono trovare". 

Primarie il 9 aprile? E' difficile
Data proposta per le primarie, quella del 9 aprile, "viene molto difficile", ha affermato il leader di Fdi Giorgia Meloni ospite di 'In 1/2', su Raitre, interpellato sulla possibilità che le primarie del centrodestra si svolgano, come era stato proposto inizialmente da Matteo Salvini, il 9 aprile.

No a violenze ma sto con tassisti e ambulanti
 "Tassisti e ambulanti hanno ragione. Siamo di fronte a un governo forte con i deboli e debole con i forti" che "si schiera con Uber e con il grande capitale. Io penso vada difeso il piccolo", ha detto Giorgia Meloni.  "Non mi presto al tentativo di prendere una intera categoria vessata ed etichettarla come di destra o di sinistra non è scesa in piazza perchè di destra ma per difendere un diritto. Quello che viene fatto con le licenza che hanno pagato è un esproprio. Poi certo li rappresentiamo meglio noi e quello è vero, perché siamo dalla parte del popolo". 

Nomadi nel gabbiotto video sbagliato ma si sottovaluta problema rom
"E' un video che non mi è piaciuto, penso che se trovi qualcuno che sta rubando devi trattenerlo e chiamare la polizia non fare video su Facebook", ha dichiarato Meloni.  "Bisogna comunque interrogarsi - ha aggiunto - su perchè l'87% degli italiani pensano che il video sia giusto, abbiamo sottovalutato il problema dei Rom in Italia. Se la tua cultura contravviene le regole di un paese o cambi paese o cambi cultura". 
Condividi