MONDO

Il caso che fa discutere l'America

Virginia, arrestato per pedofilia: deputato regionale vince le elezioni dal carcere

Joseph D. Morrissey ha stracciato gli avversari nelle elezioni indette per scegliere il suo successore. Il deputato della Virginia era stato arrestato per una relazione con una ragazza di 17 anni

Joseph D. Morrissey
Condividi
di Emma Farnè Travolto da uno scandalo sessuale, il deputato della Virginia Joseph D. Morrissey si era dimesso dal Parlamento locale e poi era stato arrestato. Sembra però che la Virginia, ex roccaforte dei repubblicani, abbia la memoria corta: a dicembre Morrissey, 57 anni, era finito in carcere. Ma oggi, a neanche un mese, potrebbe uscirne presto, perché ha incredibilmente vinto le elezioni indette per trovare un suo successore.

Lo scandalo sessuale
L'ex deputato ora rieletto ha avuto una relazione con una ragazzina di 17 anni che lavorava nel suo ufficio come centralinista. La stampa è stata impietosa nei suoi confronti, pubblicando dettagli della storia: foto di nudo e messaggi scabrosi che i due - che hanno quarant'anni di differenza di età - si sono scambiaiti di nascosto. La giovane sarebbe anche rimasta incinta, ma non è chiaro se il figlio è di Morrissey o di un altro uomo. Il deputato si è dimesso ed è stato quindi arrestato. Ma ciò non gli ha impedito di condurre la campagna elettorale e di uscire in permesso dal carcere per interviste e comizi. Anche il giorno della vittoria è stato intervistato, ma nel carcere:




Le elezioni
Morrissey è stato rieletto nel Parlamento locale della Virginia, la House of Delegates con il 42% dei voti: ha battuto entrambi i suoi sfidanti, il democratico Kevin Sullivan e il repubblicano Matt Walton. L'ex deputato si è candidato con una lista indipendente. Il risultato è stato una sorpresa per tutti, soprattutto per quella parte dell'America puritana che mal tollera gli scandali a sfondo sessuale. Eppure sembra che chi ha votato non è stato per niente impressionato dalla vita privata di Morrissey. Tuttavia, i leader democratici e repubblicani stanno valutando che cosa fare per impedire che il deputato rientri in Assemblea. Il portavoce della House of Delegates ha detto: "L'elezione di Morrissey non cambia il fatto che le sue azioni non sono per niente compatibili con gli standard" del parlamento locale. Ecco perché Howell sta considerando "opzioni" per affrontare la questione, e difendere "l'onore e l'integrità" dell'Assemblea. 

I precedenti in Virginia
La Virginia non è nuova a scandali che coinvolgono i politici locali. L'ex governatore Bob Mc Donnell e sua moglie sono stati accusati di corruzione: avrebbero accettato oltre 170mila dollari in regali e titoli da un imprenditore locale. Nel 2011, Philipp A.Hamilton, anche lui deputato della Virginia, è stato condannato a dieci anni di carcere per accuse di corruzione ed estorsione. E poi c'è anche un'altra indagine in corso sulla presunta corruzione di un gruppo di repubblicani che hanno cercato di convincere un democratico a dimettersi dal Senato locale, in cambio di un lavoro per sé e per la figlia, per avere così la maggioranza. 
Condividi