Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/studio-deloitte-sul-futuro-del-lavoro-entro-il-2035-il-90-per-cento-dei-lavori-amministrativi-svolto-da-robot-08787734-ff48-41f6-b9fa-2f22e5bca124.html | rainews/live/ | true
TECH

Futuro del lavoro

2035: fine del contabile, sostituito dal robot amministrativo

Tra 15 anni il 90% del lavoro burocratico potrebbe essere svolto da robot che faranno raccolta e gestione di dati e sostituiranno gli impiegati nelle funzioni tipiche delle risorse umane 

Condividi
Liberi da attività meccaniche e ripetitive, i lavoratori saranno sempre più impegnati in attività sofisticate e creative, per interpretare invece che registrare dati. Il loro obiettivo sul lavoro sarà trovare aziende stimolanti, che li mettano nelle condizioni di esprimere il loro potenziale - e che garantiscano nel contempo loro indipendenza. Meno amministrativi, più artisti, sembra essere il futuro secondo una ricerca appena diffusa.

Accadrà a breve, secondo uno studio sul futuro del lavoro realizzato da Deloitte. Entro il 2021, rileva la società di consulenza, il 61% dei mestieri sarà ridisegnato e intelligenza artificiale, robotica, digitalizzazione faranno sparire attività a basso valore aggiunto.

La ricerca indica, in particolare, che già nei prossimi 24 mesi i dipartimenti di risorse umane triplicheranno l'uso di 'robotic process automation' e nel 2035, al 90% di probabilità le attività amministrative nel settore della gestione delle risorse umane sarà completamente automatizzata.

Vale a dire, sottolinea lo studio, che sarà un robot a svolgere tutto il lavoro svolto per reclutare personale, raccogliere e analizzare curriculum vitae, somministrare test, organizzare colloqui, scrivere proposte di assunzione. Già oggi abbiamo i bot capaci di raccogliere e classificare i dati, selezionare profili, acquisire informazioni da varie fonti, compresi i canali social. Ma la ricerca indica che sarà automatizzata anche la preparazione delle buste paga, la gestione dei premi, il percorso formativo.

Il robot amministrativo, che lavora 24 ore al giorno 7 giorni su sette, si occuperà  anche degli adempimenti burocratici, quindi non serviranno più impiegati per contabilizzare numeri. La previsione di Deloitte è che il 40% della forza lavoro sarà "contingent", composta cioè da free lance, professionisti autonomi, lavoratori a tempo determinato e collaboratori.
Condividi