Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/sudan-colpo-di-stato-omar-al-bashir-militari-b7b2fcc0-1f8e-4d2d-b78f-98bdae898997.html | rainews/live/ | true
MONDO

Khartum

Sudan. In atto colpo di stato, circondata presidenza. Via Bashir al potere da 30 anni

Il presidente del Sudan si è dimesso ed è stato arrestato e l'esercito ha annunciato la formazione di un governo di transizione militare per due anni

Condividi
Al potere da 30 anni, si è dimesso il presidente Omar Al Bashir, mentre l'esercito, che aveva circondato il palazzo presidenziale, ha annunciato la formazione di un governo di transizione. Arrestati funzionari di governo. Nella capitale Khartum, al quinto giorno di un sit in di protesta di migliaia di persone che invocavano la rinuncia di Bashir, ora la gente festeggia la sua uscita di scena. 

Ministro Difesa: 2 anni di transizione militare
Le forze armate sudanesi prenderanno il potere per due anni, dopo la destituzione del presidente Omar al-Bashir. Lo ha reso noto il ministro della Difesa, Awad Mohamed Ahmed Ibn Auf, in un messaggio alla nazione, precisando che Bashir sarà detenuto "in un posto sicuro". Il tenente generale e primo vicepresidente del Sudan ha anche annunciato la sospensione della Costituzione, lo scioglimento del governo nazionale e di quelli locali e del Parlamento. In un discorso annunciato più volte da questa mattina, Ibn Auf ha confermato l'istituzione di un consiglio militare al fine di governare il paese per due anni e un coprifuoco di un mese in tutto il paese e la chiusura di porti e aeroporti per 24 ore. 

L'imposizione di uno Stato d'emergenza per "tre mesi" e di un mese di coprifuoco notturno dalle 22 alle 4 del mattino è stato annunciato dal ministro. 

Intelligence annuncia liberazione di tutti i prigionieri politici
Il potente servizio di intelligence, il Niss, ha annunciato la liberazione di tutti i prigionieri politici del Paese. Lo riporta l'agenzia di stampa ufficiale Suna. 

Secondo fonti di Al Arabiya, sarebbe fallito un tentativo delle autorità sudanesi di una controffensiva per ripristinare l'ordine costituito.

Diversi media africani segnalano inoltre che i militari hanno chiuso l'aeroporto di Khartoum e controllano le principali arterie della capitale. L'esercito sudanese ha circondato inoltre il palazzo presidenziale con uomini e mezzi.

La folla celebra nelle strade di Khartoum con canti patriottici e slogan quali "nuova era, nuova nazione" gli avvenimenti delle ultime ore. 

Manifestanti respingono governo militari 
L'associazione dei professionisti sudanesi (Spa), uno dei principali organizzatori delle proteste in Sudan, in un messaggio su Twitter ha annunciato che respinge l'annuncio dei militari e esorta a manifestanti a rimanere nelle strade. 

Gli abitanti di Khartoum hanno accolto in massa l'appello dell'Associazione professionale sudanese, uno dei gruppi che ha promosso le proteste contro l'esecutivo, ad unirsi ai manifestanti che partecipano dal week-end scorso al sit-in di protesta davanti alla sede dell'esercito.

La 'Regina nubiana' simbolo della protesta
Una ragazza sudanese è diventata il simbolo delle proteste. Alaa Salah, 22enne studentessa di architettura a Karthoum, soprannominata 'Kandaka', che significa 'Regina nubiana'. 




Ue, appello ad astenersi violenze, seguiamo sviluppi
La Commissione europea "sta monitorando da vicino gli sviluppi sul terreno in Sudan, una situazione si sta evolvendo mentre stiamo parlando". Così una portavoce della Commissione europea. "Ci appelliamo a tutte le parti ad astenersi da ogni atto di violenza - ha aggiunto -. Quello che come Ue abbiamo detto in maniera consistente è che chiediamo un processo politico che sia credibile, pacifico, legittimo e inclusivo che tenga conto dei desideri della popolazione e della necessità di riforme economiche e politiche". La portavoce ha aggiunto che la Commissione Ue è "in contatto con i nostri partner per seguire la situazione" e che "la nostra delegazione sul terreno continua a lavorare". 

 
Condividi