ITALIA

Due anziani coniugi ancora ricoverati

Avvelenati dal tallio, arrestato il nipote: volevo punire soggetti impuri

Sarebbe stato lui a uccidere i due nonni e una zia. Per gli inquirenti si tratta di omicidio premeditato sin da giugno. In casa del giovane i carabinieri hanno trovato il tallio e le ricevute d'acquisto

Condividi

"L'ho fatto per punire soggetti impuri e non voglio collaborare": così Mattia Del Zotto si è rivolto ai carabinieri che lo hanno arrestato a casa sua a Nova Milanese (Mb). Il 27enne è accusato di aver avvelenato la sua famiglia. Il giovane è ritenuto responsabile del triplice omicidio del nonno 94enne e di una zia 67enne (morti il 2 ottobre) e della nonna 83enne (morta il 13 ottobre), avvenuta "a mezzo somministrazione di solfato di tallio".  

"Non saprete mai perché l'ho fatto"
"Non saprete mai perché l'ho fatto. Non ho da collaborare con la vostra istituzione o con altre istituzioni di questo Stato". Sono le parole dette ai carabinieri dal giovane. Barba incolta, sguardo freddo e nessuna emozione nelle parole usate con i carabinieri. Quando gli hanno chiesto se avesse un avvocato di riferimento ha risposto seccamente: "Non ho bisogno di altre persone che parlino al posto mio. Scegliete dall'elenco del telefono la persona che più vi aggrada".

Arrestato per scongiurare altre possibili vittime
"Abbiamo proceduto all'arresto per scongiurare altre possibili vittime", hanno spiegato i carabinieri. Gli omicidi - stando alla ricostruzione delle indagini - sono stati premeditati. Il ragazzo è ritenuto responsabile anche del tentato omicidio di altre 5 persone: nonni materni, marito della zia morta, altra zia e badante dei nonni paterni. 

Il piano degli omicidi fin da giugno
Il procuratore della Repubblica di Monza, Luisa Zanetti, in conferenza stampa lo ha definito "una persona introversa". Del Zotto pianificava di avvelenare la sua famiglia fin da giugno: analizzando il suo computer i carabinieri hanno trovato i primi contatti con la ditta fornitrice con una mail risalente al 22 giugno. Poi è passata l'estate e il 27enne si è recato a Padova a ritirare il veleno: il 15 settembre il suo telefono ha agganciato le celle della cittadina veneta, mentre alla famiglia ha raccontato di dover andare a fare un colloquio. Ai carabinieri ha ammesso di aver agito in diversi momenti, continuando ad avvelenare gli elementi della famiglia per una questione di "opportunità". Le boccette comprate erano sei: l'ipotesi è che avesse intenzione di colpire anche i genitori, per il momento graziati. 

In casa del giovane cinque confezioni di solfato di tallio
I carabinieri hanno proceduto all'arresto dopo aver trovato in casa sua cinque confezioni di solfato di tallio. Trovate anche le ricevute del relativo acquisto. I carabinieri hanno trovato anche sul cellulare del giovane conversazioni in cui lui fa riferimento alle ricevute dell'acquisto. Il tallio per complessivi 60 grammi sarebbe stato acquistato in un'azienda del Padovano. I primi ad accusare i sintomi da intossicazione sono stati i suoi nonni e la zia, poi deceduti. In seguito è stata la volta di Laura Del Zotto e di Enrico Ronchi, rispettivamente sorella minore e vedovo di Patrizia Del Zotto, e della badante di famiglia Serafina Pogliani, finiti in ospedale per avvelenamento. Infine anche i nonni materni, Alessio Palma e Maria Lina Pedon, 83 e 81 anni, sono stati ricoverati in ospedale per lo stesso tipo di avvelenamento. Proprio a casa di questi ultimi gli inquirenti hanno sequestrato una miscela di erbe per infusi contaminate da tallio. 

A tradire Del Zotto sono state le e-mail salvate nella cartella bozze, l'unica che non era stata ripulita dal ragazzo. All'interno c'è una fitta corrispondenza con l'azienda di prodotti chimici di Padova da cui ha comprato il tallio. Per farlo ha usato il nickname 'Davide Galimberti'.

Il giovane ha tentato di comprare veleno in 6 aziende diverse. A differenza di quella padovana che glielo ha fornito però, le altre hanno sempre chiesto a cosa gli servisse e quindi non hanno poi venduto la merce. Del Zotto ha operato così, stando alla ricostruzione di carabinieri e procura. Delle boccette comprate, sei, ne ha usata solo una e ha nascosto le altre, consapevole che avrebbero potuto essere pericolose per i suoi genitori se lasciate in casa. Le ha quindi nascoste in un garage.

I vicini: un ragazzo schivo e appassionato di informatica
Un ragazzo schivo, appassionato di elettronica e informatica, ma da tempo sotto pressione perché non trovava lavoro. Questo il ritratto fatto dai vicini di casa di Mattia. Il giovane vive da sempre a Nova Milanese insieme ai genitori, agli zii e ai nonni deceduti, in una palazzina suddivisa in quattro appartamenti. " E’ sempre stato molto schivo e silenzioso, siamo davvero senza parole" il commento di una vicina di casa della famiglia. "So che  è appassionato di informatica, andava in palestra, ma nulla di più" ha aggiunto un altro vicino.

La madre: era maniacale, forse aveva aderito a una setta
"Mio figlio dice di non essere più cattolico e che sta seguendo una nuova religione, penso che sia una specie di setta". Così la madre di Mattia ha rivelato agli investigatori i particolari della vicenda. Il giovane avrebbe aderito ad un nuovo gruppo religioso chiamato "Concilio Vaticano II" per il quale criticava davanti alla madre l'atteggiamento di Papa Francesco: le aveva fatto vedere il video in cui il pontefice guardava una coppia ballare il tango. Secondo la madre, però, da anni il ragazzo non entrava in una chiesa: ai funerali dei suoi nonni morti per l'avvelenamento da tallio causato proprio da lui non andò nemmeno. Da circa un anno aveva poi preso un nuovo stile di vita: in camera voleva stare con il termosifone spento sostenendo che "con poco si vive". Da qualche tempo  era diventato maniacale: era contro l'uso del telecomando, si alzava ogni volta per cambiare canale; doveva staccare le prese di ogni oggetto elettronico che usava; non voleva spendere soldi e non ne chiedeva ai genitori, anche se sul suo conto poteva avere qualcosa che aveva guadagnato durante i suoi precedenti lavori - da qualche tempo era disoccupato anche se aveva un diploma di ragioneria. Inoltre non gradiva la tv in camera e cambiava canale ogni volta che vedeva una pubblicità.

Condividi