MONDO

Arrestate in Tunisia anche 8 persone espulse dalla Germania

Terrorismo,arrestato tunisino espulso da Italia:rientrato in patria addestrava combattenti per jihad

L' Unità della Guardia Nazionale tunisina è alla ricerca di altri due membri del gruppo attualmente in fuga

Condividi
Unità della Guardia Nazionale tunisina hanno arrestato a Teboulba, nel governatorato di Monastir, 4 estremisti islamici con l'accusa di appartenere a una organizzazione terroristica attiva tra Monastir e Mahdia e sono alla ricerca di altri due membri del gruppo attualmente in fuga. Secondo i media locali, la cellula smantellata aveva il compito di reclutare ed inviare nei territori di combattimento giovani tunisini ed era diretta da un tunisino espulso recentemente dall'Italia per ragioni di terrorismo e minaccia alla sicurezza dello stato.

Le autorità tunisine hanno anche ordinato l'arresto con accuse di terrorismo di otto-dieci persone rientrate dalla Germania con provvedimenti di espulsione, dopo indagini che hanno evidenziato loro legami con organizzazioni terroristiche, ha reso noto Sofiene Sliti, portavoce del dipartimento anti terrorismo tunisino all'agenzia di stampa tedesca "Dpa" precisando che tali arresti sono iniziati dopo l'attentato del mercatino di natale di Berlino eseguito dal tunisino Anis Amri, colpito da un provvedimento di espulsione mai attuato.

E dalla Germania arrivano notizie allarmanti: nel Paese vivono vivono oltre 100 persone ritenute 'pericolose' dagli esperti della sicurezza, e 'obbligati a olasciare il Paese'. E' quanto anticipa Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung. Oltre il 30% di origine turca. Dall'inizio dell'anno solo 13 estremisti islamici sono stati espulsi, 7 dei quali provenivano dalla Tunisia. In realtà, attualmente, in Germania, i soggetti classificati come 'pericolosi' o comunque 'rilevanti' nella scena del fondamentalismo islamico sono 950, ma due terzi di loro non possono esseri mandati via, perchè cittadini tedeschi. Dei rimanenti, solo un terzo presenta i requisiti indispensabili per l'espulsione.
 
Condividi