Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/vanzina-folla-di-vip-e-fan-per-ultimo-saluto-537e9b23-9ed8-409f-a746-4c812945017f.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Cinema

Vanzina. Folla di vip e fan per l'ultimo saluto

"Lo accompagnamo in Paradiso". Queste le poche parole pronunciate da Massimo Boldi, entrando in chiesa. Poi ha aggiunto commosso: "Non dimenticherò la vita passata insieme". "Gli devo tutto per quanto riguarda la mia carriera nel cinema. Sono senza parole. Se ne è andato un grande uomo" ha detto a sua volta Jerry Calà

Condividi
L'ultimo saluto a Carlo Vanzina chiama a raccolta tanti uomini dello spettacolo ma anche tanti fan. La Basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma, dove questa mattina si sono svolti i funerali del regista, era colma di amici e colleghi  fra i quali Massimo Boldi, Christian De Sica, Carlo Verdone, Aurelio De Laurentiis, Mara Venier, Vincenzo Salemme, Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Roberto D'Agostino, Diego Abatantuono, Sabrina Ferilli, Andrea Occhipinti, Paolo Ruffini, Giovanni Malagò, Silvio Berlusconi, Giuseppe Marra, Carlo Rossella, Luca Cordero di Montezemolo. 

"Lo accompagnamo in Paradiso". Queste le poche parole pronunciate da Massimo Boldi, entrando in chiesa. Poi ha aggiunto commosso: "Non dimenticherò la vita passata insieme". "Gli devo tutto per quanto riguarda la mia carriera nel cinema. Sono senza parole. Se ne è andato un grande uomo" ha detto a sua volta Jerry Calà.

De Sica: era molto legato a Roma
"Era molto legato a questa città. Mi ha scritto un messaggio 3 giorni fa e mi ha detto non vedo l'ora di ridere ancora con te" ha raccontato Christian De Sica.




Avati: più che raccontare se stesso ha raccontato l'Italia
"Più che raccontare se stesso ha raccontato l'Italia in cui molti si sono riconosciuti. Credo che Carlo abbiamo inventato un mondo, uno star system, ha dato voce e volto a una serie di attori che il cinema italiano nel suo snobbismo non avrebbe considerato". Lo ha detto  Pupi Avati arrivando ai funerali di Carlo Vanzina. "I fratelli Vanzina hanno dato voce agli  attori 'minori'" ha aggiunto Avati "ed hanno ereditato dal padre Steno il senso del pudore e il senso di riconoscenza per avere avuto l'opportunita' di fare questo mestiere straordinario".

Verdone: viene a mancare un grande amico
"Viene a mancare un grande amico, ma soprattutto viene a mancare una persona piena di grandi qualità, ci mancherà molto il suo stile sobrio ma tanto elegante, ci mancherà molto la sua generosità di ascoltare gli altri, era una persona molto umile" dice Carlo Verdone.





Presenti alle esequie anche Gianni Letta e Silvio Berlusconi. Il Cavaliere: "Ha rappresentato benissimo il filone cinematografico ironico che è la specialità del nostro cinema. Era un amico, lo conoscevo molto bene". 

De Laurentiis: amico di famiglia
"Carlo Vanzina è un amico di famiglia, come lo è Enrico e come lo era il papà Steno, abbiamo avuto un'adolescenza dorata, all'ombra dei nostri genitori che ci hanno iniziato al mestiere piu' bello del mondo". Lo ha detto Aurelio De Laurentiis arrivando ai funerali di Carlo Vanzina. "Con Enrico ci siamo incontrati prima negli anni '70, e poi con Carlo nell'83, quando è iniziata la saga di Vacanze di Natale" ha aggiunto De Laurentiis.

Don Andrea durante l'omelia: Carlo era ordinario e straordinario insieme
"Carlo ci lascia un grande insegnamento: lo straordinario e l'ordinario. Ci ha insegnato che non è importante stare sotto i riflettori perchè prima o poi si spengono. Ci ha insegnato a dare valore alla quotidianità. Chi fa questo porta un pezzo di cielo sulla Terra". Lo ha detto Don Andrea durante l'omelia del funerale di Carlo Vanzina nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Roma.

"La vita piena - ha continuato il sacerdote - è un po' l'immagine di Carlo. Non importa quanto viviamo ma è importante il segno che lasciamo su questa Terra e importa l'amore che riceviamo e quello che riusciamo a rendere. Era un gran signore, un uomo di cultura e di fede, manifestata con discrezione. Parlava sempre dei film degli altri e non dei suoi. Mi ha colpito quando l'ho invitato in parrocchia per parlare con i ragazzi e si è mostrato molto disponibile. In quell'occasione non parlò mai di sè, ma ha ricordato il padre al quale diceva di dovere tutto e ha parlato del fratello e della sua famiglia".

Don Andrea ha concluso infine l'omelia, dedicata a Carlo Vanzina, ricordando che nell'ultima telefonata gli aveva detto "combatto e mi affido". "Una vita che si affida - ha concluso il parroco - è già Paradiso. Per questo è stato un maestro della commedia italiana, sapeva leggere i sentimenti e la persona nel profondo. Caro Carlo non siamo qui per il tuo passato ma per il tuo presente e il nostro futuro".



Oggi torna nelle sale "Caccia al tesoro", l'ultimo film di Carlo Vanzina
L'ultimo film di Carlo Vanzina 'Caccia al tesoro' sarà di nuovo proposto oggi nelle sale CinemaDays. Così Medusa Film vuole omaggiare la memoria del regista scomparso ieri mattina, "un amico, di grande signorilità e gentilezza". Per la casa di produzione si tratta di "un doveroso riconoscimento ad un regista che ha saputo rappresentare e raccontare la commedia italiana degli ultimi trent'anni: intelligente ed ironico interprete dei vizi e delle virtù del nostro Paese con la grande professionalità iniziata nel 1995 con il film 'Selvaggi' fino alla sua ultima opera nel 2017 'Caccia al Tesoro' per un totale di 14 film". 
Condividi