Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/venezia-martone-guadagnino-e-minervini-gli-italiani-in-gara-7ee5a812-09de-45ee-8c64-bef154db3661.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

'Orizzonti' aperto da 'Sulla mia pelle', sul caso Cucchi

Venezia 75. Martone, Guadagnino e Minervini, gli italiani in gara

Tra gli altri registi in gara, che saranno giudicati da una giuria presieduta dal regista premio Oscar per 'La forma dell'acqua', Guillermo Del Toro, spiccano i nomi di Damien Chazelle ('First Man'), Olivier Assayas ('Doubles vies'), Jacques Audiard (con un western europeo con Joaquin Phoenix, 'The Sisters Brothers'), i fratelli Coen (con un western in sei episodi targato Netflix, 'The Ballad of Buster Scruggs')

Condividi
I film italiani in gara nel concorso principale della 75esima Mostra del cinema di Venezia (21 pellicole) sono l'attesissimo 'Suspiria' di Luca Guadagnino (con Dakota Johnson e Tilda Swinton), 'Capri-revolution' di Mario Martone (con Marianna Fontana, una delle sorelle protagoniste di 'Indivisibili' di Edoardo De Angelis), 'What You Gonna Do When The World's On Fire' di Roberto Minervini (documentario girato in America dove l'autore vive). Lo ha annunciato Alberto Barbera, direttore del festival lagunare, presentando a Roma la prossima edizione in programma al Lido dal 29 agosto all'8 settembre.

Tra gli altri registi in gara, che saranno giudicati da una giuria presieduta dal regista premio Oscar per 'La forma dell'acqua', Guillermo Del Toro, spiccano i nomi di Damien Chazelle ('First Man'), Olivier Assayas ('Doubles vies'), Jacques Audiard (con un western europeo con Joaquin Phoenix, 'The Sisters Brothers'), i fratelli Coen (con un western in sei episodi targato Netflix, 'The Ballad of Buster Scruggs'), Alfonso Cuaro'n (con un film acquistato da Netflix, 'Roma'), Yorgos Lanthimos ('The Favourite'), Mike Leigh ('Peterloo').

Tra le note di grande interesse (non solo cinematografico) dell'edizione numero 75 della Mostra, la proiezione in apertura del concorso nella sezione Orizzonti di un film italiano molto atteso che non mancherà di suscitare polemiche,  'Sulla mia pelle' di Alessio Cremonini con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca e Max Tortora sul caso Cucchi. Fuori concorso vengono poi presentati due film italiani: la commedia 'Una storia senza nome' di Roberto Ando' e l'autobiografico 'Les estivants' di Valeria Bruni Tedeschi.

L'evento speciale fuori concorso di maggior interesse, però, prima di uscire di Netflix, sarà la proiezione dell'ultimo film girato da Orson Welles, morto senza riuscire a montarlo: ''The Other Side of the Wind'. Il film è stato montato basandosi sulle note di regia e i primi montaggi fatti dallo stesso Welles. 
Condividi