MONDO

Venezuela. Maduro tende mano a Trump: incontriamoci. Ma avverte: se aggrediti, risponderemo con armi

Il Presidente Usa ha imposto sanzioni contro il Venezuela dopo che Maduro ha minato la democrazia nel suo Paese. Il leader venezuelano - nel corso del suo intervento all'Assemblea Costituente-  si è rivolto anche ai leader sudamericani che lo hanno osteggiato e ha lanciato la sfida di un incontro per "restituirci il rispetto che ci  dovuto"

Condividi

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro tende la mano al suo collega americano Donald Trump ed esprime l'intenzione di incontrarlo a settembre a New York in occasione dell'Assemblea generale dell'Onu. Ma allo stesso tempo Maduro accusa nuovamente Trump di promuovere la violenza per rovesciarlo e alimentare il suo isolamento internazionale. Il Presidente Usa ha imposto sanzioni su di lui accusandolo di aver minato la democrazia in Venezuela.

"Se è interessato al Venezuela, sono qui, mister Donald Trump, la mia mano è qui", ha detto Maduro intervenendo alla sessione dell'Assemblea Costituente, durante la quale è stato ratificato all'unanimità dai 545 membri come "presidente, capo di Stato e di governo e comandante delle Forze armate". "Voglio avere relazioni normali con gli Usa", ha assicurato Maduro, aggiungendo però che "risponderemo con le armi" a una eventuale aggressione. Ed ha poi accusato gli Usa in merito al recente attacco subito da una base dell'esercito. "E' stato preparato e finanziato con dollari americani", ha tuonato il presidente. Nel corso del suo intervento inoltre Maduro  si è rivolto ai leader sudamericani che lo hanno osteggiato ha lanciato la sfida di un incontro "faccia a faccia" per "restituirci il rispetto che ci  dovuto". 

Maduro: Costituente durerà 2 anni
L'Assemblea Costituente in venezuela lavorerà almeno fino ad agosto 2019. Lo ha annunciato il presidente Nicolas Maduro, spiegando in un lungo discorso che questo organismo con il quale "è arrivata la pace ed è stato ristabilito l'ordine", "abbraccera' e proteggerà il popolo più a lungo". Nella terza sessione plenaria della controversa Assemblea, Maduro ha anche presentato un progetto di legge per punire "i delitti di odio" con pene fino a 25 anni. Il presidente ha lanciato poi un avvertimento all'opposizione: la Commissione della Verità della Costituente, ha detto, chiamerà a dichiarare i suoi dirigenti uno per uno, per punire chiunque abbia istigato la violenza terrorista durante le manifestazioni antigovernative iniziate ad aprile. 

Condividi