Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/verdure-coltivabili-su-marte-nate-da-progetto-italiano-dc347df4-4d1b-4c05-b4b1-009147748462.html | rainews/live/ | (none)
SCIENZA

Progetto "HortExtreme"

Verdure su Marte, la ricerca italiana

Sperimentazioni in serra Oman in Antartide e in alta quota per cercare temperature vicine a quelle di Marte dove far crescere piante buone da mangiare

Deserto dell'Oman
Condividi
Cavolo cappuccio, amaranto, senape e ravanello: sono state raccolte e mangiate le quattro verdure piantate da un team di tre scienziati italiani in una serra ipertecnologica nel deserto dell'Oman dove sono state riprodotte le condizioni ambientali di Marte.

Sara Piccirillo dell'Agenzia spaziale italiana, Luca Nardi dell'Enea e Francesco Cavalieri dell'Università di Milano hanno scelto queste piante per la loro capacità di adattarsi in un ambiente estremo e di crescere in fretta.

Quattro "microverdure" il cui ciclo vegetativo è durato in tutto 15 giorni, il periodo minimo necessario alla crescita di queste varietà. Il progetto, chiamato "HortExtreme" è stato allestito nell'ambito della missione Amadee-18 coordinata dall'Austrian Space Forum.

"Gli astronauti impegnati nella missione in Oman ci hanno riferito che le verdure sono buone, le hanno condite con olio e sale. Presto un prototipo di queste coltivazioni sarà sperimentato anche in alta quota - ha spiegato Sara Piccirillo all'agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor - e successivamente in Antardide, per cercare condizioni ambientali e soprattutto di temperatura ancora più vicine a quelle di Marte".
Condividi