Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/viaggio-musicale-immagini-Roma-Colours-Dimitri-Scarlato-d4c1b958-cf71-4ade-8689-e978adbbe25e.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Al Teatro Palladium sabato sera

Un viaggio musicale tra le immagini, a Roma ‘Colours’ di Dimitri Scarlato

Dopo la première di Londra, arriva in prima nazionale lo spettacolo del compositore e direttore d’orchestra romano. Sul palco, la suggestione dei suoni e dei colori. I testi sono della scrittrice inglese Laura-Jane Foley 

Condividi
di Nicola Iannello La musica è sempre stata accostata ai colori, tanto che a volte i musicisti sono visti come pittori di suoni. Ecco allora l’idea di interpretare i colori attraverso la musica. Lo fa Colours, in prima nazionale al Teatro Palladium di Roma sabato 16. Dopo la première a Londra, approda in Italia il viaggio musicale che conduce il pubblico all’immaginazione visiva dei colori e alle emozioni che questi stimolano.
 
Il progetto nasce dal compositore e direttore d’orchestra Dimitri Scarlato, attivo nel campo della musica contemporanea e del cinema. Dopo gli studi al Conservatorio di Roma, si è perfezionato a San Pietroburgo e a Londra. La sua musica è stata eseguita in varie sale da concerto e teatri in Europa, tra cui il Barbican Hall di Londra, la Fenice di Venezia e il Teatro Olimpico di Roma. Nel 2013 l’Accademia Filarmonica Romana ha prodotto la sua opera Fadwa, e nel 2015 Nuova Consonanza ha prodotto la sua ultima opera La tregua di Natale.



 
Scarlato, al pianoforte, sarà accompagnato sul palco da Agnieszka Teodorowska al violoncello, e Yuriy Chubarenko, alla fisarmonica. Il concerto è un passaggio ininterrotto da un colore all’altro, e ogni “colore” è introdotto da un brano musicale che accompagna le poesie della scrittrice e storica inglese Laura-Jane Foley. Dal punto di vista artistico Colours segue la scia di alcuni artisti contemporanei come Yann Tiersen, Sakamato e Max Richter e riflette le esperienze assorbite durante la carriera lavorativa di Scarlato nella musica contemporanea, nel cinema e nel teatro.
 
Condividi