ECONOMIA

Vitrociset, a Di Murro il 98,5 per cento. Governo utilizzerà Golden Power

Di Murro ha avviato la procedura per la golden power: una volta ottenuto il via libera del governo, il contratto di acquisto potrà essere definitivamente perfezionato

Condividi

Il governo utilizzerà la "Golden power" nella vicenda della Vitrociset, l'azienda informatica romana che fornisce servizi strategici a diversi ministeri italiani e che, secondo quanto emerge dalle ricerche legate ai "Paradise papers" e da un'inchiesta di "Report" su Rai3, sarebbe sotto il controllo di una società delle Antille olandesi. Lo ha confermato il ministro della Difesa Roberta Pinotti, rispondendo alla stampa al suo arrivo al Consiglio Affari esteri e Difesa dell'Ue, oggi a Bruxelles.   "Come anche evidente da notizie di stampa di stamattina, la Golden power che richiede Palazzo Chigi come strumento di verifica è uno strumento che noi possiamo utilizzare. Lo abbiamo già utilizzato con la Piaggio - ha ricordato Pinotti -, e naturalmente anche per quanto riguarda Vitrociset può essere utilizzata, perché è una  azienda che opera in campi che sono strategici e ha contratti importanti non solo con la Difesa ma anche con il Ministero degli Interni".   "Ci sono dati sensibili - ha concluso il ministro - ed è importante che ci sia questo potere dello Stato per verificare questioni che sono strategiche, e anche le tipologie della proprietà".    

Di Murro rileva il gruppo

Intanto è stato definito, dopo mesi di trattative, l'accordo con la società di diritto olandese Croce International per l'acquisto della totalità della Ciset Srl, che a sua volta controlla il 98,5% (il restante 1,5% è di proprietà di Leonardo Spa) di Vitrociset Spa. A rilevare il Gruppo, portandone completamente e trasparentemente il controllo in Italia, è l'imprenditore Tonino Di Murro, da sempre attivo nella logistica e titolare del 51% della FG Tecnopolo Holding di Roma. Di Murro ha avviato la procedura per la golden power: una volta ottenuto il via libera del Governo, il contratto di acquisto potrà essere definitivamente perfezionato e la Vitrociset rilanciata, grazie ad un importante programma di investimenti, di rafforzamento commerciale e di internazionalizzazione, che tra l'altro consentirà di mantenere e consolidare l'occupazione.  

Condividi