ITALIA

Crolla il costone, macchine giù per 10 metri

Voragine a Roma, 5 auto inghiottite accanto a un cantiere per palazzine con parcheggi interrati

Due palazzine sono state evacuate a scopo precauzionale dopo il cedimento di un costone. La sindaca Virginia Raggi: "Non ci sono feriti. L'evacuazione riguarda tra le 50 e le 60 persone: è stato attivato il protocollo 'hotel solidali' per poter ospitare coloro che non potranno rientrare in casa questa notte". La rabbia dei cittadini: "Un crollo annunciato". Erano state segnalate perdite d'acqua

Condividi
Dalle 18 circa due squadre dei vigili del fuoco del Comando di Roma stanno intervenendo in via Livio Andronico, nel quartiere della Balduina, per una voragine stradale nella quale sono cadute alcune auto parcheggiate nelle vicinanze di un cantiere con lavori in corso. Secondo le prime informazioni, non risultano persone coinvolte.

Era stata segnalata una perdita di acqua 
A cedere è stata un grande porzione di terreno proprio accanto a dove sono in corso dei lavori per la realizzazione di alcuni parcheggi interrati. Secondo quanto si apprende il crollo sarebbe avvenuto a cantiere chiuso. Cinque in tutto le auto inghiottite nella voragine. Tecnici dei Vigili del fuoco stanno controllando le palazzine circostanti. Sul posto anche la polizia. Sembrerebbe che tempo fa sia stata segnalata una copiosa perdita d'acqua in zona.

Evacuate per precauzione due palazzine
Due palazzine che si affacciano su via Andronico sono state evacuate in attesa di verifiche di stabilità. Le prima avvisaglie del crollo si sono avute dal cedimento delle colonne di contenimento del cantiere adiacente.

Il cantiere aperto a ottobre 2017
La zona intorno a via Livio Andronico da ottobre è oggetto di un cantiere. Dopo la demolizione della scuola Santa Maria degli Angeli, un punto di riferimento storico nel quartiere, sarebbero dovuti sorgere tre edifici, di cui due a destinazione residenziale.

Raggi: 20 famiglie evacuate
"Vediamo se le palazzine sono agibili, se non lo saranno le famiglie saranno ospitate dal Comune. Si tratta di 20 nuclei familiari, 50-60 persone. L'evacuazione è precauzionale", ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, sul luogo della voragine nel quartiere della Balduina. Sugli allarmi che da tre mesi gli abitanti della zona avrebbero lanciato, Raggi ha detto: "Le responsabilità saranno accertate con le conseguenze del caso, l'area è sotto sequestro della magistratura. Chi è responsabile dovrà pagare".

Verifiche in corso sulle palazzine sgomberate
"Sono già iniziate le indagini da parte dei Vigili del fuoco per capire se le palazzine siano agibili o meno. In ogni caso abbiamo già attivato il protocollo 'hotel solidali' perché nel caso non potessero rientrare in casa questa notte comunque saranno ospitati", ha aggiunto Virginia Raggi. "Grazie ai Vigili urbani stiamo già predisponendo la viabilità alternativa per mettere in sicurezza l'area", ha concluso la sindaca di Roma. 

La rabbia dei residenti: "Un crollo annunciato"
Alla Balduina monta la rabbia dei residenti. "Ho le perizie geologiche, non era possibile dare concessioni edilizie in questa area. Ho segnalato ad Acea che c'era una perdita d'acqua. Questa è Monte Ciocci, è una zona costruita su materiale argilloso, è una zona instabile. Io ho solo segnalato la perdita d'acqua, mi sono fidata del permesso di costruire rilasciato dal Municipio. E' la cronaca di una morte annunciata", dice una cittadina che si sfoga con i cronisti presenti.

Il permesso di edificazione
Il permesso di costruire, come si legge direttamente nell'area del cantiere, è stato rilasciato il 12 ottobre del 2017. "Avevamo segnalato da tempo al Municipio infiltrazioni di acqua all'interno del cantiere", ha detto un'altra residente. "Ci aspettavamo succedesse qualcosa di grave", dice un altro cittadino. 

Operai cantiere: nei giorni scorsi perdite d'acqua consistenti 
"Nei dieci giorni antecedenti" al crollo della strada alla Balduina avvenuto oggi "ci sono state perdite d'acqua sostanziose. Una perdita è durata sei ore, e un'altra circa 12. L'acqua ha riempito il terreno". Lo ha detto all'agenzia Dire uno degli operai della ditta al lavoro in via Livio Andronico.
A crollare, in particolare, "è stato il muro di contenimento del cantiere dove erano in costruzione le nuove palazzine con parcheggi interrati annessi", ha precisato. 
Condividi