Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/voto-meta-mandato-usa-democratici-riconquistano-camera-repubblicani-si-rafforzano-senato-onda-blu-a-meta-e55a7ea7-6d5a-4b17-a544-d6168833e287.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Elezioni di Midterm per il Congresso e 36 governatori

Voto Usa, "onda blu" a metà: la Camera torna ai democratici ma Trump si rafforza al Senato

I democratici si riprendono la Camera dei Rappresentanti ma perdono alcune sfide chiave al Senato e nel voto per i governatori. Trump sprezzante parla di un "eccezionale successo" poi però si congratula con la leader democratica Nancy Pelosi. La Casa Bianca assicura: l'agenda del presidente non cambierà 

Condividi

Un'onda blu solo a metà. E' il risultato delle combattutissime elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, dove i democratici riconquistano dopo 8 anni la maggioranza alla Camera, ma i repubblicani si rafforzano al Senato. 

Trump: "Successo eccezionale"
Donald Trump perde dunque il controllo di uno dei due rami del Congresso quando mancano due anni alle presidenziali del 2020, ma tira un sospiro di sollievo e su Twitter, a caldo, parla sprezzante di un "eccezionale successo". Poi però si congratula con la leader democratica Nancy Pelosi per la vittoria del partito dell'Asinello alla Camera.



I democratici riconquistano la Camera dei Rappresentanti
La prevista avanzata dei democratici c'è dunque stata ma solo alla Camera, dove i dem hanno ormai conquistato 222 seggi contro i 199 dei repubblicani. E la ex presidente dem dell'Assemblea, Nancy Pelosi, avverte: da domani potremo controllare l'operato dell'amministrazione Trump.  




I repubblicani vincono le sfide chiave del Senato
In base alle proiezioni Cnn, i repubblicani sono invece in vantaggio per 51 a 45 al Senato. I dem non passano in Texas. Beto O'Rourke, l'Obama bianco, astro nascente del partito, ha sfiorato l'impresa ma ha dovuto cedere il passo a Ted Cruz, perdendo al fotofinish. Mentre in Florida nella corsa al Senato fra il democratico Bill Nelson e il repubblicano Rick Scott è ancora battaglia. Nelson,spiegando che, nonostante Scott abbia dichiarato vittoria nelle ultime ore si va verso il riconteggio. Il repubblicano è in vantaggio di poco più di 34.500 voti, ovvero di meno dello 0,5%. La legge della Florida richiede il riconteggio automatico quando il margine di vittoria è pari o inferiore allo 0,5%. Tra le riconferme illustri al Senato, oltre a quella di Cruz, quella in Vermont dell'ex candidato dem alla Casa Bianca Bernie Sanders, quella in Massachusetts della possibile candidata nel 2020 Elizabeth Warren, quella in Virginia di Tim Kaine, ex candidato vicepresidente di Hillary Clinton.




Le novità che fanno storia
Tantissime le new entry che fanno la storia, tutte tra i dem: a New York Alexandra Ocasio-Cortez con i suoi 29 anni è la più giovane a entrare in Congresso, Rashida Tlaib in Michigan e Ilhan Omar in Minnesota diventano le prime deputate musulmane, Sharice Davids in Kansas e Deb Haaland in New Mexico sono le prime native americane. Jared Polis in Colorado è invece il primo governatore apertamente gay. Ed è stato anche stabilito il record di donne elette al Congresso. Ecco l'esito delle sfide più importanti

Cuomo riconfermato a New York
Andrew Cuomo è stato riconfermato governatore dello Stato di New York, avendo sconfitto lo sfidante repubblicano Marc Molinaro: per lui sarà il terzo mandato, alla pari del padre Mario Cuomo, anche lui a capo dello Stato per tre legislature. E nel suo appassionato discorso della vittoria, Cuomo è sembrato echeggiare la possibilità che si possa candidare per le presidenziali del 2020.



Casa Bianca: l'agenda di Trump non cambierà
La Casa Bianca minimizza la sconfitta alla Camera e più che di un'onda blu dei dem parla di "un'increspatura", sottolineando come l'agenda del presidente non cambierà. Ma in casa democratica, nonostante la delusione per qualche risultato mancato, c'è aria di rivincita. E nelle prossime settimane di fatto partirà la corsa per le presidenziali del 2020. 

Condividi