POLITICA

Via libera con 140 sì, 49 no e 31 astensioni

Voucher, ok aula Senato. Decreto abolizione è legge. Camusso: risultato importante

Voucher (Ansa)
Condividi
L'aula del Senato ha approvato la conversione in legge del decreto che abolisce i voucher e ripristina la responsabilità solidale negli appalti. Il provvedimento, già licenziato dalla Camera, è stato approvato con 140 voti favorevoli 49 voti contrari e 31 astensioni e diventa legge.

Camusso: Un risultato importante
"È un risultato importante. Una giornata di festa per tutti quelli che hanno creduto e si sono impegnati per questo risultato. Primo obiettivo raggiunto". È stato il primo commento di Susanna Camusso, riportato dal profilo twitter della Cgil.

Sottosegretario Bobba: al servizio dei cittadini
La soppressione dell'istituto del lavoro accessorio, i cosiddetti voucher, decisa per decreto dal Consiglio dei ministri lo scorso 17 marzo, da oggi è legge. Dopo la Camera infatti anche il Senato ha approvato, senza modifiche, il ddl di conversione, che prevede comunque che i buoni per prestazioni di lavoro richiesti alla data di entrata in vigore del decreto possono essere impiegati fino al 31 dicembre 2017: in pratica, in attesa di una nuova legge che disciplini in maniera alternativa il lavoro a tempo, la stagione estiva ormai alle porte è salva, e potrà essere ancora gestita tramite voucher.

Sul lavoro accessorio pendeva il referendum abrogativo richiesto dalla Cgil e autorizzato dalla Consulta, che si sarebbe dovuto svolgere il prossimo 28 maggio: proprio la prospettiva "di un nuovo scontro ideologico" dopo quello del 4 dicembre scorso sul referendum costituzionale, e questa "su un tema non così importante" ha ricordato il sottosegretario Luigi Bobba, aveva indotto il governo a intervenire preventivamente. "Ma non siamo schiavi dei sindacati, siamo al servizio dei cittadini" ha rimarcato Bobba.
Condividi