Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/wsj-usa-allarme-telefoni-huawei-alleati-6d14d5ae-7763-43d5-b0d0-3378b274dfa7.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Wsj, Usa fanno pressione su alleati: "Boicottate Huawei"

Il governo Usa sta facendo pressione sui suoi alleati stranieri, Italia inclusa, per persuadere i fornitori di servizi wireless e Internet di questi Paesi a non utilizzare le apparecchiature di telecomunicazioni della compagnia cinese Huawei Technologies

Condividi
Il governo Usa sta facendo pressione sui suoi alleati stranieri, Italia inclusa, per persuadere i fornitori di servizi wireless e Internet di questi Paesi a non utilizzare le apparecchiature di telecomunicazioni della compagnia cinese Huawei Technologies. Lo scrive il Wall Street Journal, citando fonti che hanno familiarità con la situazione. I funzionari Usa hanno contattato le loro controparti governative e i dirigenti delle tlc in quei Paesi amici dove le apparecchiature Huawei sono ampiamente utilizzate, tra cui Germania, Italia e Giappone, avvertendoli di quelli che considerano un rischio alla sicurezza informatica. Gli Stati Uniti stanno anche valutando l'ipotesi di aumentare gli aiuti finanziari per lo sviluppo delle telecomunicazioni in quei paesi che boicotteranno le attrezzature prodotte in Cina. Washington in particolare è preoccupata per l'uso di apparecchiature di telecomunicazione cinesi in quei Paesi che ospitano basi militari americane. Il Dipartimento Usa della Difesa ha i suoi satelliti e una sua rete autonoma di telecomunicazioni per le comunicazioni sensibili, ma la maggior parte del traffico in molte installazioni militari viaggia attraverso le reti commerciali.

La reazione di Huawei: sorpresi da comportamento Usa

"Huawei è sorpresa dai comportamenti del governo Usa descritti nell'articolo" del Wall StreetJournal. "Se il comportamento di un governo si estende oltre la sua giurisdizione, tale attività non dovrebbe essere incoraggiata". Lo dice un portavoce di Huawei. "Prodotti e soluzioni Huawei sono ampiamente usati in oltre 170 Paesi in tutto il mondo, servono 46 dei primi 50 operatori mondiali,aziende di Fortune 500 e centinaia di milioni di consumatori. Ci scelgono perché si fidano pienamente".
Condividi