Torna su

MONDO

200 articoli in archivio

  • San Francisco. Cade dall'undicesimo piano sul tetto di un'auto in corsa: salvo

    San Francisco. Un lavavetri è salvo per miracolo dopo essere precipitato dall'undicesimo piano dell'edificio della Sterling Bank e Trust, finendo sul tetto di un'auto in movimento. L'uomo stava manovrando i cavi della piattaforma di lavoro con un collaboratore quando, per motivi ancora da accertare, ha perso l'equilibrio precipitando per 11 piani. Quando gli agenti hanno raggiunto il luogo dell'incidente l'uomo era cosciente, spiega un portavoce della polizia, ed è stato trasportato in ospedale con gravi ferite tra cui la frattura di un braccio. La caduta è stata attutita da un'auto che si era appena mossa dal posteggio. Il conducente è rimasto illeso, ma sotto shock mentre l'auto ha subito gravi danni [fonte: USCBSN].

  • Togo. Proteste e scontri in piazza per difendere la Costituzione (video)

    Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Lomè, capitale del Togo, chiedendo di reintrodurre in Costituzione un limite al numero dei mandati del presidente, in vista delle elezioni del 2015. Un provvedimento respinto dal Parlamento nei mesi scorsi, che potrebbe impedire al presidente Faure Gnassingbé di candidarsi l'anno prossimo per la terza volta. I dimostranti hanno lanciato pietre contro gli agenti dopo che la polizia, usando proiettili di gomma e gas lacrimogeni, ha impedito loro di raggiungere una piazza dove doveva tenersi un comizio. Gnassingbé salì al potere nel 2005 dopo che suo padre Gnassingbé Eyadéma, che aveva governato il Paese per 38 anni, morì per un attacco cardiaco. Per consentire l'eventuale avvicendamento del figlio allora trentanovenne, nel 2002 Eyadéma fece modificare la Costituzione abbassando l'età minima richiesta per l'eleggibilità da 45 a 35 anni, ed eliminò il limite del numero di mandati [fonte: GBRTV].

  • New York. Si rimuove la super neve, per paura delle alluvioni (video)

    Sale a 12 il numero delle vittime dopo l'eccezionale nevicata che ha colpito lo Stato di New York, in particolare la zona di Buffalo. Intanto, passato l'incubo delle nevicate, si temono possibili alluvioni. Nel fine settimana, infatti, è previsto un innalzamento delle temperature e l'arrivo della pioggia che potrebbe appesantire i tetti delle abitazioni già carichi di neve. Inoltre, la neve sciogliendosi potrebbe aggiungersi alle piogge aumentando il rischio di alluvioni [fonte: USCBSN].

  • #euromaidan Un anno fa, la rivolta nel luogo simbolo della capitale ucraina

    La rivolta di Maidan cominciò un anno fa, quando l'allora presidente Viktor Ianukovich non firmò l'accordo d'associazione con la Ue che sembrava ormai cosa fatta. Nei giorni di maggior partecipazione scesero in piazza centinaia di migliaia di persone. Piazza Indipendenza, luogo simbolo della capitale ucraina, fu teatro di violenti scontri tra manifestanti e polizia, che hanno portato alla morte di decine di civili. Euromaidan, come fu chiamata la rivolta sui social, era animata infatti sia da gruppi pacifici che chiedevano la fine di "un regime corrotto", sia da estremisti pronti a dar battaglia a colpi di molotov contro la polizia in assetto antisommossa. Per ricordare questa pagina cruciale della storia ucraina che ha portato al potere un governo filo-occidentale, scatenando la reazione del Cremlino e dei filorussi in Crimea e nel sud-est, a Kiev, a migliaia sono tornati in piazza.

  • Londra, esplosione Churchill Hyatt Regency. Evacuate circa 500 persone. Le testimonianze (video)

    In seguito all'esplosione, che ha colpito nella notte l'hotel a cinque stelle Churchill Hyatt Regency - a Portman Square, nel cuore di Londra - le circa 500 persone che in quel momento si trovavano nell'albergo sono state evacuate.

  • Londra, esplosione per una fuga di gas in un hotel di lusso: 14 feriti. Evacuate 500 persone

    L'esplosione, secondo un portavoce dell'hotel, è avvenuta nel piano interrato della struttura. Secondo un Tweet della polizia, l'hotel a cinque stelle, che ha 434 camere, ha subito ingenti danni

  • Pena di morte: cresce il sostegno a moratoria. Gentiloni: "Italia protagonista di questa battaglia

    In commissione 114 i favorevoli, 36 i contrari e 34 gli astenuti. Per la prima volta anche la Russia vota sì, salita a bordo all'ultimo momento con Nicaragua e Turkmenistan.