A Che tempo che fa Monti visto da 6 milioni di italiani

Fase 2, al via il confronto sul Welfare

Da oggi entra nel vivo il confronto con le parti sociali sulla riforma del lavoro. Il ministro del Welfare avvia gli incontri separati. Parte la fase 2 dell'azione di governo, dalla lotta all' evasione fiscale alle liberalizzazioni, col disarmo multilaterale di tutte le corporazioni. Intervistato da Fabio Fazio, il premier Monti, visto da oltre sei milioni di spettatori, ha annunciato che non serviranno altre manovre ed e' tornato a parlare della riforma del lavoro, spiegando che non ci sono tabù sull'articolo 18, così come non ce ne sono sulla Tobin Tax: l'Italia e' disposta a lavorarci, ma a livello europeo.

Vota:

Votata: 49volte, Media voti: 2.79

Mario Monti

Roma, 08 Gennaio 2012

Il "disarmo multilaterale di tutte le corporazioni": dalle liberalizzazioni alla lotta all'evasione. E' questa la 'fase 2' dell'azione di governo. Mario Monti usa il palcoscenico di 'Che tempo che fa' su Rai 3 per provare a spiegare i prossimi passi del suo esecutivo. E' un discorso asciutto che si fonda su due pilastri: politica interna ed azione in ambito europeo.

Ma prima di ogni altra cosa il professore annuncia che non serviranno altre manovre bensi' un intervento per "dare pi- spazio alla concorrenza ed ai giovani". Si tratta di fare "diverse cose: creare piu' spazi per la concorrenza ed il merito in diversi settori". E' c'e' anche una scadenza: l'Unione europea - spiega Monti - si aspetta un pacchetto di interventi, anche sulle liberalizzazioni, gia' per il vertice dell'Eurogruppo del 23 gennaio.

Monti e gli ascolti
Oltre sei milioni di telespettatori (6.099.000) e share appena sotto il 21 per cento (20,85) ieri su Rai3 per l'intervista al presidente del Consiglio Mario
Monti nel corso del programma 'Che tempo che fa'. E' stato il miglior risultato della stagione del programma condotto da Fabio Fazio, oltre che essere ieri il piu' visto della giornata in assoluto. Durante l'intervista ci sono stati picchi di circa 8 milioni di spettatori e del 26 per cento di share (il piu' alto è stato registrato alle 21:21 con 7.974.000 e il 25,98). Nel target del pubblico laureato, share oltre il 41 per cento.



Il premier sottolinea di non amare il termine perche' "puo' sembrare in parte ideologico"; meglio chiarire che "si tratta di ridurre quelle protezioni, quei diversi modi in cui ogni categoria in Italia piu' che in altri Paesi cerca di avvantaggiare chi è incluso nella roccaforte rispetto a chi è fuori".

Chiama in causa direttamente "i gruppi energetici" che - afferma- non sono certamente esenti da queste sferzate". E al riguardo precisa: "occorre maggiore gioco di mercato a vantaggio dei consumatori".

Il premier nella "roccaforte" include anche quegli italiani che non pagano le tasse. Gli viene chiesto cosa ne pensi del blitz della Guardia di Finanza a Cortina e delle polemiche successive. "L'evasione fiscale è una cosa che rovina l'immagine dell'Italia all'estero", dice. "La ricchezza non sia una rendita" ma va rispettata "se è frutto delle capacita' e del merito" - aggiunge -. Vorrei gli italiani pi- orgogliosi quando sono ricchi e non imbarazzati".

Monti interviene sull'ipotesi di accordo con la Svizzera per far rientrare i capitali espatriati: "Stiamo guardando a questo argomento" - dice ma oltre a non ritenere validi "accordi bilaterali" come quelli di Germania e Gran Bretagna che hanno scavalcato l'Ue ribadisce la completa contrarieta' ai "condoni". Quanto alla Tobin Tax "l'Italia è disposta a lavorarci, ma a livello europeo".

All'Europa il 'professore' guarda sempre. La situazione dell'Italia è "difficile ma incoraggiante" anche grazie alla azione sul "settore pubblico degli ultimi due mesi". La crisi è piu' legata all'euro a causa degli "squilibri nei conti pubblici di alcuni Paesi" ma il problema è che "l'Europa non è ancora un insieme completo di Stati". Si rivolge cosi' alla cancelliera tedesca Angela Merkel: "L'Italia è responsabile ed esempio per altri", rimarca.

Torna sul tema della riforma del lavoro. Per il capo del governo "niente debba essere considerato un tabu' tra le forze civili come il sindacato, il mondo produttivo e il governo"; neanche la modifica del'articolo 18 anche se per il momento l'argomento non è prioritario. Quindi, replicando agli attacchi del Pdl, spezza una lancia a favore del sistema bancario (prendendo spunto dalla ricapitalizzazione di Unicredit, giudicandola un fatto inevitabile) "E' solido, tra i piu' stabili in Europa. La nostra è una crisi di sistema che ha radici negli anni '80 quando il dirigismo frenava i 'giochi' dei mercati. E nella successiva fase, quando il pendolo si è spostato troppo dalla parte opposta.

Arriva cosi' ad escludere una sua ricandidatura perche' "nella vita ci sono anche altri valori" ma non nasconde un certo "orgoglio per i ministri", riconoscendo che questo "e' un governo strano" perche' "le cose si fanno".

A sorpresa arriva infine l'annuncio di un intervento sulla Rai. Gli viene chiesto se l'azienda televisiva sara' privatizzata: "Non è venuta come urgenza" ma "mi dia qualche settimana e vedrà", risponde al conduttore.