Sforzi comuni contro il contagio

Lagarde: Fmi pronto, valuta l'aumento di risorse

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) valutera' le opzioni per aumentare le risorse a sua disposizione 'al fine di combattere la debolezza dell'economia' ha detto il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde.

Vota:

Votata: 4volte, Media voti: 3

Christine Lagarde

New York, 17 Gennaio 2012

Alla crisi è necessario rispondere "in modo adeguato". Mosso da questo obiettivo il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) valuta le opzioni per aumentare le risorse a sua disposizione per avere piu' armi da dispiegare per combattere la crisi e svolgere appieno il proprio ruolo, cioe' assicurare la stabilita' globale. Il board dell'Fmi si è riunito oggi per valutare l' adeguatezza delle proprie risorse, sullo sfondo del downgrade di molti paesi dell'Europa da parte di Standard & Poor's e il riaprirsi del confronto fra la Grecia e i suoi creditori privati per lo swap del debito ed evitare un default.

 

"La discussione sull'adeguatezza delle risorse del Fmi è stata una buona opportunita' per valutare se queste siano sufficienti al Fondo per svolgere il proprio ruolo e assicurare la stabilita' globale" afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, sottolineando che "la sfida maggiore è quella di rispondere alla crisi in modo adeguato e molti direttori del Fmi hanno messo in evidenza la necessita' e l'urgenza di sforzi collettivi per contenere la crisi del debito dell'area euro e proteggere le economie mondiali dal contagio e da eccessive contrazioni".

 

L'impegno dei paesi europei a contribuire alle risorse del Fmi è benvenuto, ma - evidenzia Lagarde - "e' altrettanto importante che ci siano in Europa un sistema di protezione e altre politiche forti per rispondere alla crisi dell'area euro". Lagarde valuta in modo positivo il riconoscimento dell' importanza di assicurare adeguate risorse al Fmi per aiutarlo a combattere la debolezza economica. "A questo fine, lo staff del Fondo valutera' le opzioni per aumentare le risorse dell'Fmi".