Incendio in una casa a due piani, nove vittime

Rogo a Charleston, morti otto bambini

Quattro persone sono state trovate al piano superiore, cinque al pianoterra della villetta nel West Virginia. Sono morti tutti, tranne un bambino. Una decima persona è riuscita a scappare e chiamare i soccorsi. Il sindaco: è la strage più grave dal 1949.

Vota:

Votata: 1volte, Media voti: 1

Un incendio in un'immagine d'archivio

New York, 24 Marzo 2012

Un incendio in un'abitazione a Charleston, in West Virginia, ha fatto strage di bambini. Tra le otto persone che vi hanno perso la vita, sei avevano meno di otto anni.

Il rogo si è sviluppato alle prime luci dell'alba in una casa a due piani priva di allarme antincendio. Le cause sono ancora poco chiare, ma da una prima indagine dei vigili del fuoco, sembra che le fiamme si siano sviluppate al piano inferiore. Quando sono arrivati i pompieri, la casa era già avvolta delle fiamme.

Quattro persone sono state trovate al piano superiore, cinque al pianoterra. Sono morti tutti, tranne un bambino. Una decima persona è riuscita a scappare e ad allertare i soccorsi.

Danny Jones, sindaco di Charleston, ha detto che si tratta del più grave incendio in termini di vittime dal 1949. All'epoca sette vigili del fuoco rimasero uccisi in un rogo in un grande magazzino nel centro cittadino.

"L'unico allarme antincendio era in cucina, ma posizionato troppo in basso per attivarsi, ha spiegato il sindaco. Un altro è stato trovato nel seminterrato. In pratica non c'erano allarmi funzionanti. Cio' vuol dire che queste persone non hanno avuto scampo, sono state colte di sorpresa".

Secondo alcune indicazioni, pare che la sera prima nella casa si fosse tenuta una festa di compleanno.