Audi si prende marchio e produzione

Assegno da 860 milioni e Ducati diventa tedesca

Per Bonomi Audi ha già dimostrato "di avere tecnologie, soldi e visione di lungo termine". Il finanziere ha detto che "non ci dispiacerebbe partecipare alla prossima fase di crescita" con una quota, si dice, del 20-30%

Vota:

Votata: 8volte, Media voti: 2.25

Ducati, la fabbrica dei bolidi rossi

Bologna, 17 Aprile 2012

La casa motociclistica italiana Ducati passa ai tedeschi di Audi per 860 milioni di euro: la notizia, circolata con insistenza nelle ultime settimane, è stata confermata oggi da fonti del settore all'agenzia Dpa, secondo cui il consiglio di vigilanza di Audi e quello della casa madre, il gruppo Volkswagen, daranno il via libera all'operazione nella riunione di domani. Nessuna conferma ufficiale ancora da parte di Audi.

Lo scorso anno Ducati ha venduto 42.000 moto con un fatturato di 480 milioni di euro.

Rumors italici
"Se Investindustrial mantenesse il controllo di Ducati e non lo cedesse a un partner industriale commetterebbe un grosso errore per gli interessi del gruppo bolognese", aveva detto ieri Andrea Bonomi, numero uno di Investindustrial, intervendendo al convegno sul futuro dell'equity investment in Italia. "Mantenere Ducati
sarebbe fantastico dal punto di vista personale - ha sottolineato - ma totalmente sbagliato dal punto di vista dell'azienda. Ducati ha sete di globalizzazione. per quanto
ci venga riconosciuto quello che abbiamo fatto, l'aiuto che gli possiamo dare non è più adeguato, ci vuole un industriale. Noi operiamo bene ma non siamo pronti a essere
industriali a lunghissimo termine".

Per Bonomi Audi ha già dimostrato "di avere tecnologie, soldi e visione di lungo termine". Il finanziere ha detto che "non ci dispiacerebbe partecipare alla
prossima fase di crescita" con una quota, si dice, del 20-30%.