Abete: violenza inaccettabile

Gli ultra' del Genoa bloccano la partita

Genoa-Siena, partita-salvezza per i liguri, sospesa per contestazioni degli ultrà rossoblu e lancio di fumogeni in campo. La gara, ripresa dopo tre quarti d'ora, è finita 4-1 per i toscani. Petrucci: vergogna, sulla maglia non si tratta. Preziosi, presidente Genoa: serve la galera. Il Milan pareggia in casa con il Bologna e aggancia la Juve che stasera ospita la Roma. Lazio fermata all'Olimpico dal Lecce. Fiorentina-Inter 0-0, Ljajic fallisce un rigore.

Vota:

Votata: 7volte, Media voti: 2.71

Contestazioni durante la partita

Roma, 22 Aprile 2012

Tensione in campo al Ferraris, dove Genoa-Siena è stata sospesa al 9' del secondo tempo per la contestazione degli ultrà rossoblu e il lancio di fumogeni in campo. La gara è ripresa dopo tre quarti d'ora.

L'arbitro e i toscani avevano lasciato il terreno di gioco, mentre i giocatori di casa parlavano con i supporter, che avevano anche chiesto loro di togliersi le maglie. Molti calciatori hanno pianto. Il capitano Marco Rossi e Sculli hanno 'trattato' coi tifosi e poi hanno indossato di nuovo le maglie.

Genoa e Siena sono tornate in campo ma gli ultrà rossoblu, protagonisti della contestazione che ha portato allo stop dell'incontro, non hanno guardato la partita: si sono abbracciati ed hanno voltato le spalle al campo di gioco.

La gara è finita col punteggio di 4-1 per gli ospiti toscani. Con questo risultato il Genoa è a rischio serie B. Per esorcizzare gli spettri, la squadra di Malesani avrebbe dovuto battere il Siena, una diretta concorrente o quasi, e ritrovare quella vittoria che manca ai rossoblu' dallo scorso 5 febbraio.

 

Il Questore di Genova: Maglie? Noi contrari a Preziosi
I giocatori del Genoa si sono tolti la maglia, come preteso dagli ultras, con il consenso del presidente, Enrico Preziosi. I responsabili delle forze dell'ordine presenti in campo erano "fortemente contrari" e hanno "fortemente sconsigliato" il presidente di agire in tal senso. Lo ha detto il questore di Genova, Massimo Mazza.

Il questore Mazza ha tenuto a sottolineare "la tempestivita' e l'equilibrio"' con la quale i responsabili delle forze dell'ordine hanno gestito la situazione venutasi a creare allo stadio Ferraris. "Ma i giocatori non avrebbero mai dovuto consegnare le maglie. Il mio vicario era in campo. E' stata una decisione della societa'. Mai fare un gesto cosi"'. "Comunque - ha aggiunto - siamo soddisfatti: la tempestivita' e l'equilibrio con cui è stata gestita la situazione ha consentito la ripresa della partita".

Abete: violenza inaccettabile
"E' violenza inaccettabile, questi non sono tifosi. Le norme e le immagini ci sono, ora mi auguro che non entrino mai piu' in uno stadio". Lo ha detto il presidente Figc Giancarlo Abete, dopo la sospensione di Genoa-Siena per la contestazione ultra'. "Bene ha fatto Sculli a non togliersi la maglia", ha aggiunto a Stadio Sprint.

Preziosi: serve la galera
"La Daspo? La galera dobbiamo dargli. Se queste persone avessero qualcosa da perdere non si comporterebbero cosi': spero solo che perdano la liberta'". Enrico Preziosi, presidente del Genoa, invoca le manette per i tifosi che oggi hanno scatenato i disordini nello stadio Marassi e provocato la sospensione della partita con il Siena. "So che la stragrande maggioranza dei tifosi non è violenta: il fatto che poi abbiano fischiato i 70 facinorosi la dice lunga. Ma perche' 70 prevalgono su 20mila?", aggiunge.

"Sicuramente arrivera' la squalifica del campo e poi? Mi hanno detto che mi verranno a prendere a casa: lo facciano, io giro libero. Loro si vergognino", afferma ancora il presidente dei grifoni che rincara le critiche: "Il Genoa di chi e'? Secondo questi 70 tifosi il Genoa è loro e usano la violenza. Vengono a casa, vengono a prendere a schiaffi i giocatori, la Polizia dov'e'? Vengano qui i 70 tifosi che sanno tutto di tutto e si comprino la societa'. Fino a quando avremo paura di questa gente saranno sempre prevaricati".

Petrucci: vergogna, sulla maglia non si tratta
"Vergogna, vergogna, vergogna! Quanto successo oggi a Genova rappresenta ancora una volta il lato peggiore del calcio italiano". La condanna del presidente del Coni, Gianni Petrucci, per i fatti di Marassi arriva con una dichiarazione all'ANSA. "Sulla maglia non si tratta - aggiunge Petrucci - è stato commesso un sacrilegio dello sport".

"Quello che le immagini televisive hanno portato in diretta nelle case di milioni di italiani - afferma nella sua dichiarazione all'ANSA Petrucci - è un ulteriore segnale del degrado morale da cui il sistema calcio in Italia deve al piu' presto prendere le distanze, allontanando quanti concorrono a minarne la serenita"'.

"La maglia è il simbolo intangibile di una squadra e non puo' essere ne' offesa ne' vilipesa o, tantomeno, oggetto di trattative. Aver chiesto e acconsentito di far togliere le maglie ai giocatori del Genoa rappresenta un sacrilegio sportivo di cui i colpevoli dovranno rispondere in ogni sede. Non è piu' tollerabile che il calcio possa essere infangato, colpito e avvelenato dagli incivili comportamenti di certi pseudo-tifosi che spadroneggiano negli stadi a dispetto di norme e leggi che andrebbero applicate con rigore e severita' senza tolleranze di alcun genere. Ma anche di certi dirigenti che cercano in ogni occasione il sistema per aggirare le regole, modificarle a proprio piacimento, finalizzando tutte le loro iniziative all'interesse personale contro ogni principio etico e morale. E' giunto il momento - conclude Petrucci - che le societa' di vertice recuperino rapidamente una leadership credibile e autorevole e con poteri diversi dall'attuale governance".

Le partite giocate
Il Milan all'ultimo respiro pareggia in casa con il Bologna e aggancia la Juve che stasera ospita la Roma. La Lazio fermata all'Olimpico dal Lecce.

Fiorentina-Inter 0-0, Ljajic fallisce un rigore
La rincorsa Champions dell'Inter si ferma sul campo della Fiorentina. La brutta partita del Franchi finisce 0-0 e i maggiori rimpianti sono per la squadra di Delio Rossi, incapace di trasformare un calcio di rigore con Ljajic nella ripresa.

Risultati della 34/a giornata

A Catania: Catania-Atalanta 2-0 (ieri)
A Verona: Chievo-Udinese 0-0 (ieri)
A Cesena: Cesena-Palermo 2-2
A Firenze: Fiorentina-Inter 0-0
A Genova: Genoa-Siena 1-4 (sospesa al 9' st e ripresa dopo 45')
A Roma: Lazio-Lecce 1-1
A Napoli: Napoli-Novara 2-0 (ieri)
A Milano: Milan-Bologna 1-1
A Parma: Parma-Cagliari 3-0 (ieri)
Juventus-Roma questa sera alle 20.45