Le Pen: "Le critiche dell'Ue mi entusiasmano"

Sarkozy atttacca Hollande: "Non deve scappare"

Vinto il primo turno di elezioni presidenziali, ora François Hollande si prepara all'importante appuntamento del ballottaggio, ma con lo spirito di chi ha già trionfato. Sarkozy non perde tempo e attacca immediatamente Hollande, che ha rifiutato di partecipare a tre confronti televisivi su quattro.

Vota:

Votata: 17volte, Media voti: 2.23

Nicolas Sarkozy

Parigi, 23 Aprile 2012

Vinto il primo turno di elezioni presidenziali, ora François Hollande si prepara all'importante appuntamento del ballottaggio, ma con lo spirito di chi ha già trionfato. Il candidato socialista all'Eliseo ha battuto Nicolas Sarkozy al primo turno con il 28,63% di voti, mentre il presidente uscente ha ottenuto un 27,18%. "Abbiamo raggiunto il primo obiettivo, essere primi al primo turno", ha dichiarato Hollande.

"Se avremo vinto lo sapremo il 6 maggio. Ieri però si è verificato un fatto importante: ho concluso in testa, e ho superato il presidente uscente di un punto percentuale e mezzo. Il totale dei voti raccolti dalla sinistra, i cui partiti hanno dichiarato il loro sostegno alla mia candidatura, ci permette di ritenere che esistono le condizioni per la vittoria".

Sarkozy, dopo la sconfitta al primo turno, non perde tempo e attacca immediatamente Hollande, che ha rifiutato di partecipare a tre confronti televisivi su quattro. "Si tratta di discutere davanti al popolo francese, progetto contro progetto, personalità contro personalità, esperienza contro esperienza. Il popolo francese ha il diritto di sapere. E monsieur Hollande non deve scappare", ha detto il capo dell'Eliseo. "Il momento è cruciale - ha aggiunto Sarkozy - e il popolo francese deve disporre di tutti i fatti per poter effettuare una scelta. Io non scapperò, non mi nasconderò e, se a farlo sarà monsieur Hollande, la responsabilità sarà sua".

La notizia che sta facendo discutere è però quella del risultato del partito di estrema destra di Marine Le Pen che ha avuto il 17,9% dei voti. Il presidente francese ora guarda con interesse a quegli elettori che potrebbero essere fondamentali per la vittoria il prossimo 6 maggio: secondo Sarkozy, quello per Le Pen è stato un "voto di crisi" che "è raddoppiato da un'elezione all' altra". "A un tale voto di protesta - ha aggiunto Sarkozy - una risposta va data".

Preoccupazione per il voto francese a Le Pen è stato espresso invece da Bruxelles che parla di vera e propria "minaccia populista" a cui bisogna rispondere con "più Europa". Il risultato del partito di estrema destra è un fatto "preoccupante" anche per la Germania. La cancelliera tedesca Angela Merkel, ovviamente, continuerà a sostenere Sarkozy anche al ballottaggio, secondo quanto ha fatto sapere il vice portavoce Georg Streiter.

Melenchon: "Sarkozy vuole radicalizzare lo scontro"
Indicendo un meeting il primo maggio, giornata dei lavoratori e dei tradizionali cortei sindacali, il presidente uscente Nicolas Sarkozy vuole "una radicalizzazione dello scontro" in questa campagna elettorale. Lo ha affermato Jean-Luc Melenchon, leader dell'estrema sinistra e quarto classificato al primo turno delle presidenziali.

"Dà un segnale con un tono di scontro con i sindacati - ha spiegato, parlando dal suo quartier generale alle porte di Parigi - Fino ad oggi c'erano solo i fascisti che facevano questo il Primo maggio e noi, noi facevamo il corteo con i sindacati".

Melenchon ha poi ribadito, attraverso il suo account Twitter, che le sue indicazioni di votare "contro Sarkozy" al secondo turno non è un'affermazione di sostegno a Francois Hollande o di alleanza con i socialisti. "La scheda (elettorale) con scritto Hollande la useremo solo momentaneamente, per sbarrare la strada all'estrema destra di Sarkozy", spiega sul sito di microblogging.

Le Pen: "Le critiche dell'Ue mi entusiasmano"
Il fatto che l'Europa si dica preoccupata per il mio risultato elettorale "è una buona notizia". E' "molto entusiasmante": lo ha detto la leader dell'estrema destra, Marine Le Pen, intervenendo al tg di France 2. "E' il ritorno della Nazione", ha aggiunto.