I dati Istat di marzo

Salari fermi, l'inflazione se li mangia di più

A marzo la forbice tra l'aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,2%) e il livello d'inflazione (+3,3%), su base annua, tocca una differenza di 2,1 punti percentuali, che rappresenta il divario più alto dall'agosto del 1995

Vota:

Votata: 16volte, Media voti: 1.5

Buste paga alleggerite da tasse e inflazione

Roma, 24 Aprile 2012

A marzo la forbice tra l'aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,2%) e il livello
d'inflazione (+3,3%), su base annua, tocca una differenza di 2,1 punti percentuali, che rappresenta il divario più alto dall'agosto del 1995. Lo rileva l'Istat.

Le retribuzioni contrattuali orarie a marzo restano ferme su febbraio e salgono dell'1,2% su base annua. Lo rileva l'Istat, aggiungendo che la crescita tendenziale è la piu' bassa almeno dal 1983, ovvero dall'inizio delle serie storiche ricostruite, 29 anni fa.