Venti i feriti

Tromba d'aria sull'Ilva, piegata una gru: un disperso

Sono drammatiche le conseguenze della tromba d'aria che si è abbattuta su Taranto e Statte, colpendo in particolare lo stabilimento dell'Ilva. Un operaio risulta disperso, i feriti sono venti

Vota:

Votata: 14volte, Media voti: 1.14

Tromba d'aria sull'Ilva di Taranto

Taranto, 28 Novembre 2012

Sono drammatiche le conseguenze della tromba d'aria che si è abbattuta su Taranto e Statte, colpendo in particolare lo stabilimento dell'Ilva. Un operaio risulta disperso, i feriti sono venti.


La situazione è critica anche nella zona del porto dove si affacciano i pontili che servono per il carico e scarico delle merci del siderurgico dove  è crollata una gru in mare.

Gru in mare, disperso un operaio
Si teme in particolare per un operaio: l'uomo era al lavoro nella cabina di una gru finita in mare dopo la tromba d'aria. A Taranto ci sono le squadre dei sommozzatori per le ricerche. L'Ilva, in una nota, conferma che "un dipendente, che era alla guida di una gru caduta in mare, risulta disperso. Al lavoro i sommozzatori di Bari". Nella nota si precisa che "tutte le emissioni dell'azienda sono sotto controllo".

Venti feriti
Sono 20 i feriti lievi portati nell'infermeria dell'Ilva, due persone sono state condotte in ospedale dal molo. Lo rende noto l'Ilva che sottolinea che nello stabilimento ''non c'è stato alcun incendio''. ''Le fiamme visibili dall'esterno sono relative agli sfoghi di sicurezza provocati dalle candele di sicurezza degli impianti''. L'azienda - riferisce l'Ilva - ''ha subito gravi danni strutturali ancora da quantificare''. ''Il siderurgico - prosegue la nota - ha messo in atto tutte le procedure di emergenza generale, gli impianti sono presidiati, in azienda sono presenti i comandanti dei Vigili del Fuoco provinciale e regionale. Tutta l'area ghisa è sotto controllo. Non c'è stata evacuazione, sono stati messi in circolo tutti i bus aziendali per raccogliere il personale non addetto alla gestione dell'emergenza generale e accompagnarlo alle portinerie e ai punti di incontro dell'azienda''.

Autista di bus ferito dai detriti
Lamiere e detriti hanno travolto un bus privato in transito davanti all'Ilva al passaggio della tromba d'aria che ha colpito la città di Taranto. I vetri del mezzo sono andati in frantumi e l'autista è rimasto ferito. Sono stati abbattuti muretti, alberi e guard-rail. Ingenti i danni anche a una stazione di rifornimento carburanti. Sulla strada Taranto-Statte alcune auto si sono rovesciate.

Il sindaco: vertice in prefettura, per ora no vittme
"E' in corso in prefettura a Taranto un comitato di sicurezza. Un operaio dell'Ilva risulta disperso e le ricerche sono coordinate dai vigili del fuoco". Lo ha detto a Tg Norba24 il sindaco di Taranto Ippazio Stefano, spiegando che al momento la "situazione di pericolo è finita" e che ufficialmente non risultano vittime.

Clini: nessun rischio di esplosione
Non c'è alcun rischio esplosione all'Ilva di Taranto dopo la tromba d'aria che ha colpito gli impianti. Lo afferma il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini. "C'e' un rapporto della Protezione Civile - ha spiegato Clini - che dice che la situazione è governata".