Depositata la sentenza

A Veronica Lario 3 milioni al mese per la separazione da Berlusconi

L'assegno di mantenimento da tre milioni tutti i mesi, 36 milioni ogni anno - riflette i criteri dell'articolo 156 del codice civile e la giurisprudenza della Cassazione circa i parametri del mantenimento del tenore di vita analogo a quello goduto durante la convivenza, nel caso sussista una disparità economica tra i due coniugi

Vota:

Votata: 63volte, Media voti: 3.33

Silvio Berlusconi e Veronica Lario

Milano, 28 Dicembre 2012

Tecnicamente la separazione è di tipo non consensuale e non esclude che un accordo di massima possa sopraggiungere nei prossimi mesi, se le parti lo riterranno opportuno, a modificare i termini fissati dal Tribunale con la sentenza depositata a Natale.

L'assegno di mantenimento da tre milioni tutti i mesi, 36 milioni ogni anno - riflette i criteri dell'articolo 156 del codice civile e la giurisprudenza della Cassazione circa i parametri del mantenimento del tenore di vita analogo a quello goduto durante la convivenza, nel caso sussista una disparità economica tra i due coniugi. La sentenza in questo modo tiene conto, rivela il Corriere della Sera, del fatto che la moglie di Berlusconi esca dalla causa senza proprietà immobiliari.

La sentenza lascia la villa di Macherio (nella quale Veronica non vive da oltre due anni) a Berlusconi, intestatario: "il Tribunale, infatti, nelle separazioni interviene sulla casa coniugale solo quando vi siano figli minori, o maggiorenni ma economicamente non indipendenti, e nessuno di questi due - ricorda il Corriere - è il caso dei coniugi Berlusconi-Lario".

Il vaore immobiliare di Villa Belvedere a Macherio è sui 78 milioni, ma il mantenimento all'ex premier è costato oltre 20 milioni in un decennio ogni anno grava sul bilancio di Berlusconi per 1,8 milioni l'anno.

La sentenza nulla dice, invece, del patrimonio societario di Berlusconi e della sua eventuale ripartizione fra i tre figli avuti da Veronica e i due figli nati dal precedente matrimonio, Marina e Piersilvio, da tempo ai vertici del gruppo.