'Armi chimiche a mia insaputa?Impossibile'

Siria. Assad: 'Se Usa sinceri, bene avvicinamento con Iran'

Come governo siamo pronti all'eventualità di una conferenza di pace Ginevra 2 ma non possiamo decidere chi guiderà la nostra delegazione finchè non conosceremo "contesto e criteri" su cui si baserà la conferenza. Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad in un'intervista a Rainews24, la prima dopo la risoluzione dell'Onu. 'Non abbiamo usato noi i gas ma i terroristi'.'Armi chimiche a mia insaputa? Impossibile'

Vota:

Votata: 22volte, Media voti: 4.18

L'intervista di Monica Maggioni al presidente siriano Bashar al Assad

Damasco, 29 Settembre 2013

"Non si tratta della risoluzione Onu, ma della nostra volontà" di eliminare le armi chimiche. Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad in un'intervista a Monica Maggioni, direttore di Rainews24. "Abbiamo aderito all'accordo internazionale contro le armi chimiche prima della risoluzione", ha spiegato Assad.

Come governo siamo pronti all'eventualità di una conferenza di pace Ginevra 2 ma non possiamo decidere chi guiderà la nostra delegazione finchè non conosceremo "contesto e criteri" su cui si baserà la conferenza. Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad in un'intervista a Rainews24, la prima dopo la risoluzione dell'Onu.

Molti paesi europei hanno adottato la prassi americana nel trattare con altri paesi: quando hanno un problema o sono in disaccordo tagliano ogni tipo di rapporto. L'Ue parla di aiuti ma poi impone embargo alla Siria, ha aggiunto.

Se i ribelli sono armati "non sono opposizione, ma terroristi", quindi "non possiamo discutere con i terroristi, con al Qaida e i suoi affiliati, né con coloro che chiedono un intervento armato in Siria" ha detto il presidente siriano in merito alla conferenza Ginevra 2. "Se rinunceranno alle armi siamo pronti a discutere con loro", ha aggiunto.

Qatar e Arabia saudita "sono Stati satellite degli Usa" ha detto il presidente siriano nell'intervista a Rainews24.

"Non abbiamo riserve" sull'accordo sulle armi chimiche: "il nostro compito è fornire dati e agevolare la procedura, ma i problemi sono di aspetto tecnico: come raggiungere quei luoghi in presenza di terroristi pronti a porre qualunque ostacolo e come sbarazzarsi di quei materiali" ha detto Bashar al Assad.

L'esercito siriano non ha mai utilizzato armi chimiche durante la crisi, abbiamo prove invece che lo hanno fatto i ribelli ha detto il presidente siriano. "L'esercito stava avanzando, perche' avrebbe dovuto usarle?", ha chiesto Assad.

"E' impossibile che siano state usate armi chimiche senza il mio permesso". Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad in un'intervista a Rainews24. "E' una procedura molto complicata e nessuna unità dell'esercito siriano dispone di armi chimiche, ci sono delle unità speciali che le gestiscono", ha aggiunto.

"Nessuno ha verificato la veridicità dei video e delle foto dei bambini" che sarebbero rimasti vittime dell'attacco chimico del 21 agosto in Siria ha detto il presidente siriano aggiungendo che "le stesse immagini con gli stessi bambini" sono state attribuite a "luoghi diversi". Quelle immagini avevano fatto il giro del mondo su internet indignando la comunità internazionale.

"Se abbandonare il mio incarico migliorasse la situazione, me ne andrei, ma devo restare al mio posto". "Quando c'è una tempesta non si lascia la nave, la mia missione è portare la nave in porto, non abbandonarla", ha aggiunto. Quanto al 2014, "deciderò alla vigilia delle elezioni se ricandidarmi: se capirò che il popolo siriano lo vorrà, lo farò. Altrimenti no", ha concluso Assad.

Dopo questa crisi "potremo costruire una Siria di gran lunga migliore rispetto a quella precedente" ha detto ancora Bashar al Assad nell'intervista a Rainews24, ribadendo che "l'unica opzione rimasta è difendere il Paese e liberarci dei terroristi e della loro ideologia".

Credo che "se gli Stati Uniti sono sinceri", dall'avvicinamento tra Usa e Iran "ci saranno risultati positivi, non solo per la crisi siriana ma per tutti gli altri problemi della regione"