TORNA ALLA HOMEPAGE DI RAINEWS24
La strage nascosta
L' MK77, il nuovo napalm: polysterene-like gel
e 63 galloni di propellente per missili altamente incendiario .
Il napalm e' un derivato dell'acido naftenico o naftonico e dell'acido palmitico ( che si trova nelle noci di cocco), ai quali vengono aggiunti sali di alluminio che vengono usati per formare un gel altamente infiammabile. E' usato per la formazione di bombe , mine e combustibile per lanciafiamme . La preparazione risale alla seconda guerra mondiale e il nome "napalm" deriva dalle iniziali dei due principali composti : "NA"ftenico e "PAL"mitico. L'MK77 e' l'evoluzione moderna del napalm, definita "a basso impatto ambientale" ma con le stesse tremende capacita' distruttive sulle persone. Nel momento dell'esposione si forma una gelatina plastica che raggiunge temperature altissime che si attacca sulle persone colpite. La nuove versione del Napalm contiene anche del Fosoforo Bianco per aumentarne l'effetto corrosivo sulle vittime.
La risposta del Ministero della Difesa britannico
ad Alice Mahon, ex deputato laburista
La parlamentare inglese Alice Mahon, Labour Party, aveva presentato numerose interrogazioni al ministro della Difesa inglese, chiedendo se corrispondesse al vero la notizia dell'uso del Napalm, o di agenti chimici da parte degli Stati Uniti in Iraq. Il ministero aveva sempre negato, fino a quando, il 13 giugno del 2005, con stile tipicamente inglese, chiede ufficialmente scusa di aver risposto il falso e ammette l'uso dell' MK77, l'ordigno incendiario che ha gli stessi effetti del Napalm. Alice Mahon esce dal parlamento perché non vuole far parte di una coalizione che copre i crimini di guerra.
[Documento del Ministero della Difesa britannico]
 
Scheda tecnica sul MK77
Gli ordigni MK77 da 750lb, MK78 da 500lb ed MK79 da 1000lb, rappresentano l’evoluzione delle bombe al Napalm usate in Vietnam. Il loro effetto incendiario è micidiale, e non lascia scampo a chiunque si trovi nelle vicinanze dello scoppio.
[Scheda elaborata dal Dott. Domenico Leggiero, Ispettore CFE]
scrivi alla redazione | credits