I Referendum precedenti
Archivio Rai

Referendum Costituzionale 4 Dicembre 2016

I Referendum precedenti

L'Italia ha fatto largo uso dello strumento referendario: spesso i cittadini hanno dovuto dire la loro sulle leggi e sulle proposte varate dal Parlamento.

I referendum non abrogativi

Dal 1946 ad oggi in Italia ci sono già stati dei REFERENDUM NON ABROGATIVI, cioè delle consultazioni referendarie in cui il voto espresso dai cittadini non era volto a cancellare delle norme. Quello istituzionale del 1946, in cui si è scelto se optare per la Monarchia o la Repubblica; quello consultivo del 1989, in cui gli italiani si espressero a favore della creazione dell'Unione Europea; e quelli di revisione costituzionale del 2001 e del 2006 quando, come nel caso che affrontiamo oggi, gli Italiani hanno potuto scegliere se approvare la modifica della Costituzione varata dal Parlamento.

La nascita della Repubblica italiana
(2 giugno 1946)

Il 2 giugno 1946 fu un grande giorno per gli italiani: i cittadini vennero convocati alle urne per scegliere attraverso un Referendum istituzionale se optare per la Repubblica o la Monarchia. La campagna elettorale fu assai vivace e l'affluenza alle urne fu altissima: votò l'89,1% dei 28.005.449 aventi diritto. Gli italiani lo stesso giorno elessero anche i membri dell'Assemblea Costituente: l'organo che, sulla base della volontà espressa dalla maggioranza degli elettori, aveva il compito di dare una nuova Costituzione al Paese.

Numero votanti in assoluto

29,946.878 (89.08%)

Repubblica

12,718,641 (54,27%)

Monarchia

10,718,502 (45,73%)

Numero votanti in percentuale

89.08%

Repubblica

54,27%

Monarchia

45,73%

La nascita dell’Unione Europea
(18 giugno 1989)

Ufficialmente l'Unione Europea nacque con l'entrata in vigore nel 1993 del trattato di Maastricht, ma il 18 giugno 1989 in Italia venne chiesto al corpo elettorale se fosse favorevole «alla trasformazione delle Comunità europee in una effettiva Unione, dotata di un Governo responsabile di fronte al Parlamento». In realtà, trattandosi di un parere su un organo appartenente ad un ordinamento diverso da quello italiano, ed essendo quindi privo di efficacia giuridica, il Referendum fu di tipo consultivo. Anche in questo caso l'affluenza fu molto alta visto che si recò a votare l'80,68% degli aventi diritto.

Numero votanti in assoluto

37,560,404 (80.68%)

Votanti SI

29,158,656 (88,03%)

Votanti NO

3,964,086 (11,97%)

Numero votanti in percentuale

80.68%

Votanti SI

88,03%

Votanti NO

11,97%

I referendum costituzionali (2001-2006)

In Italia abbiamo già affrontato dei referendum costituzionali: ai cittadini, infatti, è già stato chiesto di confermare le modifiche sulla Costituzione approvate dal Parlamento. È successo il 7 ottobre 2001, quando ci hanno chiesto di confermare le modifiche al titolo V della seconda parte della Costituzione; ed è successo il 25 giugno 2006, quando venne sottoposto il quesito che proponeva di modificare diversi punti della seconda parte della Costituzione. Mentre nel primo caso, anche se con un'affluenza molto bassa, vinse il sì con un 64%,il secondo referendum costituzionale raccolse la vittoria del no, con il 61% dei 26 milioni di votanti.

2001

Numero votanti in assoluto

(34.05%) 16,843,420

Votanti SI

(64.21%) 10,433,574

Votanti NO

(35,79%) 5,816,527

votanti in percentuale

34.05%

Votanti SI

64,21%

Votanti NO

35,79%

2006

Numero votanti in assoluto

26,110,925 (52,46%)

Votanti SI

9,970,513 (38,71%)

Votanti NO

15,783,269 (61,29%)

Numero votanti in percentuale

52,46%

Votanti SI

38,71%

Votanti NO

61,29%

Tutti i Referendum passati

Si parla di REFERENDUM ABROGATIVO quando ai cittadini viene chiesto di scegliere se cancellare in tutto o in parte una legge ordinaria o un atto avente forza di legge. Con un sì o con un no il popolo ha il potere di partecipare all'attività legislativa. Come scritto nella Costituzione, però, affinché questo tipo di referendum abbia validità, deve essere raggiunto un quorum, ossia la partecipazione al voto della maggioranza degli iscritti alle liste elettorali.

Data Titolo Affluenza Quorum SI NO Risultato Descrizione
12 maggio 1974 Divorzio 87,72% Raggiunto 40,74% 59,26% NO Abrogazione della legge Fortuna-Baslini, con la quale era stato introdotto in Italia il divorzio.
11 giugno 1978 Ordine pubblico 81,19% Raggiunto 23,54% 76,46% NO Abrogazione della Legge Reale (norme restrittive in tema di ordine pubblico).
Finanziamento pubblico dei partiti 81,19% Raggiunto 43,59% 56,41% NO Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti (primo tentativo).
17 maggio 1981 Ordine Pubblico 79,38% Raggiunto 14,88% 85,12% NO Abrogazione della legge Cossiga, che era stata concepita per affrontare l'emergenza terrorismo negli anni settanta.
Ergastolo 79,43% Raggiunto 22,63% 77,37% NO Abolizione della pena dell'ergastolo.
Porto d'armi 79,42% Raggiunto 14,08% 85,92% NO Abolizione delle norme sulla concessione del porto d'armi.
Interruzione gravidanza (Proposta radicale) 79,41% Raggiunto 11,58% 88,42% NO Abrogazione di alcune norme della legge 194 sull'aborto per renderne più libero il ricorso. Promosso dai Radicali.
Interruzione gravidanza (Proposta Movimento per la vita) 79,43% Raggiunto 32,00% 68,00% NO Abrogazione di alcune norme della legge 194 sull'aborto per restringerne i casi di liceità . Di segno opposto al quesito precedente. Promosso dal Movimento per la vita.
9 e 10 giugno 1985 Indennità di continegenza 77,85% Raggiunto 45,68% 54,32% NO Abolizione della norma che comporta un taglio dei punti della scala mobile. Promosso dal PCI.
8 novembre 1987 Responsabilità civile del giudice 65,11% Raggiunto 80,21% 19,79% SI Abrogazione delle norme limitative della responsabilità civile per i giudici. Promosso da Radicali, Socialisti e Liberali.
Commissione inquirente 65,10% Raggiunto 85,04% 14,96% SI Abolizione della commissione inquirente e del trattamento dei reati ministeriali.
Localizzazione centrali nucleari 65,10% Raggiunto 80,57% 19,43% SI Abrogazione dell'intervento statale se il Comune non concede un sito per la costruzione di una centrale nucleare.
Contributi enti locali 65,12% raggiunto 79,71% 20,29% SI Abrogazione dei contributi di compensazione agli enti locali per la presenza sul proprio territorio di centrali nucleari.
Divieto partecipazione dell'ENEL a impianti nucleari all'estero 65,09% Raggiunto 71,86% 28,14% SI Esclusione della possibilità per l'Enel di partecipare alla costruzione di centrali nucleari all'estero.
3 giugno 1990 Disciplina della caccia 43,36% Non Raggiunto 92,20% 7,80% Non valido Disciplina della caccia
Accesso dei cacciatori a fondi privati 42,92% Non Raggiunto 92,28% 7,72% Non valido Abolizione della possibilità per il cacciatore di entrate liberamente nel fondo altrui (primo tentativo).
Uso dei pesticidi 43,11% Non Raggiunto 93,51% 6,49% Non valido Abrogazione dell'uso dei pesticidi nell'agricoltura. Promosso dai Verdi..
9 e 10 giugno 1991 Riduzione preferenze Camera dei Deputati 62,50% Raggiunto 95,57% 4,43% SI Riduzione dei voti di preferenza, da tre a uno, nelle elezioni per la Camera dei deputati.
18 e 19 aprile1993 Competenze USL 76,85% Raggiunto 82,57% 17,43% SI Abrogazione delle norme sui controlli ambientali effettuati per legge dalle USL.
Stupefacenti e sostanze psicotrope 76,98% Raggiunto 55,36% 44,64% SI Abrogazione delle pene per la detenzione ad uso personale di droghe leggere. Promosso dai Radicali.
Finanziamento pubblico dei partiti 76,95% Raggiunto 90,25% 9,75% SI Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti(secondo tentativo). Promosso dai Radicali.
Casse Risparmio e Monti Pietà 76,87% Raggiunto 89,80% 10,20% SI Abrogazione delle norme per le nomine ai vertici delle banche pubbliche.
Ministero delle partecipazioni statali 76,86% Raggiunto 90,11% 9,89% SI Abrogazione della legge che istituisce il Ministero delle Partecipazioni Statali.
Elezione Senato della Repubblica 77,01% Raggiunto 82,74% 17,26% SI Abrogazione di norme della legge elettorale del Senato per introdurre il sistema elettorale maggioritario uninominale.
Ministero agricoltura e foreste 76,89% Raggiunto 70,23% 29,77% SI Abrogazione della legge che istituisce il Ministero dell'Agricoltura.
Ministero turismo e spettacolo 76,88% Raggiunto 82,28% 17,72% SI Abrogazione della legge che istituisce il Ministero del Turismo e dello Spettacolo.
11 giugno 1995 Concessioni televisive nazionali 58,06% Raggiunto 43,07% 56,93% NO Abrogazione delle norme che consentono la concentrazione di tre reti televisive.
Interruzioni pubblicitarie 58,12% raggiunto 44,34% 55,66% NO Abrogazione delle norme che consentono un certo numero di interruzioni pubblicitarie in tv.
Raccolta pubblicità radiotelevisiva 58,07% raggiunto 43,59% 56,41% NO Modifica del tetto massimo di raccolta pubblicitaria delle televisioni private.
Rappresentanze sindacali (richiesta massimale) 57,22% raggiunto 49,97% 50,03% NO Liberalizzazione delle rappresentanze sindacali (abolizione del monopolio confederale).
Rappresentanze sindacali (richiesta minimale) 57,17% raggiunto 62,14% 37,86% SI Rappresentanze sindacali nella contrattazione pubblica: modifica dei criteri di rappresentanza in modo che questa vada anche alle organizzazioni di base.
Contrattazione pubblico impiego 57,36% raggiunto 64,68% 35,32% SI Contrattazione collettiva nel pubblico impiego: abrogazione della norma sulla rappresentatività per i contratti del pubblico impiego.
Soggiorno cautelare 57,25% raggiunto 63,68% 36,32% SI Abrogazione della norma sul soggiorno cautelare per gli imputati di reati di mafia.
Privatizzazione RAI 57,38% raggiunto 54,90% 45,10% SI Abrogazione della norma che definisce pubblica la RAI, in modo da avviarne la privatizzazione.
Autorizzazione al commercio 57,24% raggiunto 35,63% 64,37% NO Abrogazione della norma che sottopone ad autorizzazione amministrativa il commercio.
Trattenute contributi sindacali 57,27% raggiunto 56,24% 43,76% SI Abrogazione della norma che impone la contribuzione sindacale automatica ai lavoratori.
Legge elettorale comuni 57,40% raggiunto 49,40% 50,60% NO Estensione ai Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti dell'elezione diretta del sindaco già prevista per gli altri comuni.
Orari esercizi commerciali 57,34% raggiunto 37,40% 62,60% NO Abrogazione della norma che impedisce la liberalizzazione degli orari dei negozi.
15 giugno 1997 Privatizzazione 30,15% non raggiunto 74,06% 25,94% Non valido Abolizione dei poteri speciali riservati al Ministero del Tesoro nelle aziende privatizzate.
Obiezione di coscienza 30,29% non raggiunto 71,69% 28,31% Non valido Abolizione dei limiti per essere ammessi al servizio civile in luogo del servizio militare.
Caccia 30,21% non raggiunto 80,90% 19,10% Non valido Abolizione della possibilità per il cacciatore di entrate liberamente nel fondo altrui (secondo tentativo).
Carriere dei magistrati 30,15% non raggiunto 83,55% 16,45% Non valido Abolizione del sistema di progressione delle carriere dei magistrati.
Ordine dei giornalisti 30,04% non raggiunto 65,52% 34,48% Non valido Abolizione dell'Ordine dei giornalisti. Promosso dai Radicali.
Incarichi extragiudiziari dei magistrati 30,20% non raggiunto 85,58% 14,42% Non valido Abolizione della possibilità per i magistrati di assumere incarichi al di fuori delle loro attività giudiziarie.
Ministero per le politiche agricole 30,05% non raggiunto 66,85% 33,15% Non valido Abrogazione della legge che istituisce il Ministero delle Politiche Agricole.
18 aprile 1999 Elezione della Camera dei deputati: abolizione del voto di lista per l'attribuzione con metodo proporzionale del 25% dei seggi 49,58% non raggiunto 91,52% 8,48% Non valido Abolizione della quota proporzionale nelle elezioni della Camera dei deputati (primo tentativo).
21 maggio 2000 Rimborso delle spese per consultazioni elettorali e referendarie: Abrogazione 32,19% non raggiunto 71,06% 28,94% Non valido Eliminazione del rimborso spese per consultazioni elettorali e referendarie.
Elezione della Camera dei deputati: abolizione del voto di lista per l'attribuzione con metodo proporzionale del 25% dei seggi 32,44% non raggiunto 82,02% 17,98% Non valido Abolizione della quota proporzionale nelle elezioni della Camera dei deputati (secondo tentativo).
Elezione del Consiglio superiore della magistratura: Abrogazione dell'attuale sistema elettorale dei componenti magistrati con metodo proporzionale per liste contrapposte 31,86% non raggiunto 70,57% 29,43% Non valido Abolizione del voto di lista per l'elezione dei membri togati del CSM.
Ordinamento giudiziario: separazione delle carriere dei magistrati giudicanti e requirenti 31,96% non raggiunto 69,00% 31,00% Non valido Separazione della carriera di pubblico ministero da quella di giudice. Promosso dai Radicali.
Incarichi extragiudiziari dei magistrati: Abolizione della possibilità per i magistrati di assumere incarichi al di fuori delle loro attività giudiziarie 31,99% non raggiunto 75,22% 24,78% Non valido Abolizione della possibilità per i magistrati di assumere incarichi al di fuori delle loro attività giudiziarie.
Licenziamenti: Abrogazione delle norme sulla reintegrazione del posto di lavoro 32,51% non raggiunto 33,36% 66,64% Non valido Abrogazione dell'art.18 dello Statuto dei lavoratori. Promosso dai Radicali.
Trattenute associative e sindacali tramite gli enti previdenziali: abolizione 32,20% non raggiunto 61,82% 38,18% Non valido Abrogazione della possibilità di trattenere dalla busta paga o dalla pensione la quota di adesione volontaria a un sindacato o associazione di categoria attraverso un patronato.
15 giugno 2003 Reintegrazione dei lavoratori illegittimamente licenziati: abrogazione delle norme che stabiliscono limiti numerici ed esenzioni per l'applicazione dell'art. 18 dello Statuto dei lavoratori 25,73% non raggiunto 86,74% 13,26% Non valido Estensione a tutti i lavoratori del diritto al reintegro nel posto di lavoro per i dipendenti licenziati senza giusta causa. Promosso da Rifondazione Comunista.
Servità coattiva di elettrodotto: abrogazione 25,75% non raggiunto 85,53% 14,47% Non valido Abrogazione dell'obbligo per i proprietari terrieri di dar passaggio alle condutture elettriche sui loro terreni. Promosso dai Verdi.
12 e 13 giugno2005 Procreazione medicalmente assistita - limite alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni - Abrogazione parziale 25,66% non raggiunto 88,03% 11,97% Non valido Abolizione ai limiti alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni.
Procreazione medicalmente assistita - norme sui limiti all'accesso - Abrogazione parziale 25,66% non raggiunto 88,78% 11,22% Non valido Abolizione di limiti all'accesso alla procreazione medicalmente assistita.
Procreazione medicalmente assistita "norme sulle finalità , sui diritti dei soggetti coinvolti e sui limiti all'accesso" Abrogazione parziale 25,65% non raggiunto 87,73% 12,27% Non valido Abolizione di norme su finalità , diritti, soggetti coinvolti e limiti all'accesso alla procreazione medicalmente assistita.
Procreazione medicalmente assistita - divieto di fecondazione eterologa - Abrogazione parziale 25,63% non raggiunto 77,38% 22,62% Non valido Abolizione del divieto di fecondazione eterologa.
21 e 22 giugno2009 Elezione della Camera dei deputati - Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste 23,49% non raggiunto 77,63% 22,37% Non valido Assegnazione del premio di maggioranza alla lista più votata, anzichà© alla coalizione (Camera dei deputati).
Elezione del Senato della Repubblica - Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste 23,52% non raggiunto 77,68% 22,32% Non valido Assegnazione del premio di maggioranza alla lista più votata, anzichè alla coalizione (Senato).
Elezione della Camera dei deputati -Abrogazione della possibilità per uno stesso candidato di presentare la propria candidatura in più di una circoscrizione 24,02% non raggiunto 87,00% 13,00% Non valido Impossibilità per una stessa persona di candidarsi in più circoscrizioni.
12 e 13 giugno 2011 Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica: abrogazione 54,81% raggiunto 95,35% 4,65% SI Affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Promosso dal comitato referendario "2 SI per l'Acqua Bene Comune".
Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito: abrogazione parziale di norma 54,82% raggiunto 95,80% 4,20% SI Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito. Promosso dal comitato referendario "2 SI per l'Acqua Bene Comune".
Abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia elettrica nucleare 54,79% raggiunto 94,05% 5,95% SI Abrogazione norme che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia nucleare. Promosso dall'Italia dei Valori.
Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale 54,78% raggiunto 94,62% 5,38% SI Abolizione della legge sul legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri. Promosso dall'Italia dei Valori.
17 aprile 2016 Proroga delle concessioni di estrazione di idrocarburi entro le 12 miglia marine 31,18% non raggiunto 85,84% 14,16% Non valido Abrogazione della norma che prevede che le concessioni già in essere per l'estrazione di idrocarburi in zone di mare (entro le 12 miglia marine) siano estese fino al termine della vita utile del giacimento. Richiesto dai Consigli regionali di Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna e Veneto.

Fonti dei dati

I dati sui risultati delle votazioni per le precedenti consultazioni referendarie sono stati raccolti nel sito ufficiale del Ministero dell'Interno: Eligendo - Archivio storico delle Elezioni; archivio storico della Camera dei Deputati; archivio storico del Senato.

Nonostante lo scrupoloso lavoro di raccolta e verifica dei dati, se dovessero essere ravvisate inesattezze si prega di inviare la segnalazione a questa mail: segnalazioni.referendum@rai.it