Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/A-Roma-incontro-bilaterale-Biden-Macron-sui-sottomarini-gli-Usa-sono-stati-goffi-e3436974-1f05-4a85-b930-00de02d8cad4.html | rainews/live/ | true
MONDO

La Francia è "un partner estremamente prezioso"

A Roma l'incontro bilaterale Biden Macron: "Sui sottomarini gli Usa sono stati goffi"

Tra Francia e USA consultazioni, nelle scorse settimane, su clima, difesa e innovazione

Condividi
I presidenti di Stati Uniti e Francia si sono incontrati oggi a Roma per il loro primo faccia a faccia dopo la grave crisi dei sottomarini. Joe Biden e Emmanuel Macron si sono salutati con grandi sorrisi e strette di mano. "È al futuro che dobbiamo guardare", ha detto Macron, dopo aver accolto Joe Biden a Villa Bonaparte, sede dell'ambasciata francese presso la Santa Sede, a margine del G20. Il presidente americano ha affrontato la delicata vicenda del contratto per i sottomarini che aveva scatenato l'ira della Francia. "Quello che abbiamo fatto è stato imbarazzante e non è stato fatto in modo molto elegante", ha riconosciuto Biden, aggiungendo che la Francia è "un partner estremamente prezioso". "La Francia è l'alleato più antico e fedele degli Stati Uniti", ha aggiunto.

Macron, dal canto suo, ha accolto con favore "decisioni concrete" che "avviano un processo di fiducia tra Francia e Stati Uniti", riferendosi anche alle consultazioni dei due Paesi delle scorse settimane su clima, difesa e innovazione.Il presidente francese ha ritenuto che queste decisioni siano venute "a sostegno di azioni e iniziative comuni che stiamo portando avanti in questi diversi campi, che per me è davvero l'avvio di un processo di fiducia".

Ha anche aggiunto che l'incontro di oggi è un "incontro importante per chiarire  sulla sovranità europea, sulla difesa europea". Il presidente  francese ha anche rilevato che gli Stati Uniti "non erano la sola  parte implicata" nella cancellazione della vendita francese di  sottomarini all'Australia, poi sostituita da un contratto con gli Usa. Il riferimento appare chiaro al governo britannico di Boris Johnson, entrato  nel patto Aukus di difesa con Australia e Stati Uniti.