Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Aereo-fantasma-possibile-dirottamento-Si-indaga-sui-piloti-2d82401f-b598-4d8f-9372-98d8135bb6ca.html | rainews/live/ | true
MONDO

Iniziate le perquisizioni delle abitazioni

Aereo fantasma: possibile dirottamento. Si indaga sui piloti

Il giallo del velivolo scomparso sabato scorso si avvia a una soluzione. Si fa più fondata l'ipotesi del dirottamento, da capire l'autore del folle gesto. Sotto la lente di ingrandimento anche i piloti a bordo

Condividi
Le ricerche dell'aereo
Kuala Lumpur
Il dirottamento sembra la principale ipotesi alla base della scomparsa del Boeing 777 della Malaysia Airlines, sparito dai radar sabato scorso nella rotta tra Kuala Lumpur - Pechino e con a bordo 239 persone. Il primo ministro del governo malese Najib Razak, in una conferenza stampa convocata in mattinata, ha parlato di interruzione dei segnali di comunicazione del volo Mh370 precisando: "Non escludiamo alcuna ipotesi".

Sotto la lente di ingrandimento anche il dirottamento a opera di uno o di entrambi i piloti a bordo. Iniziate le perquisizioni nelle abitazioni dei piloti proprio per capire se possano essere gli autori del folle gesto. La polizia si è infatti presentata, poco dopo la conferenza, a casa del capitano Zaharie Ahmad Shah, di 53 anni, con 18mila ore di volo alle spalle. Perquisizione anche nella casa del copilota Fariq Abdul Hamid, 27 anni. 

Secondo la ricostruzione più accreditata, l'aereo avrebbe improvvisamente subito un brusco cambio di rotta, eseguito da una persona esperta che avrebbe anche interrotto i due sistemi di comunicazione automatici, l'Acars (Aircraft Communications Addressing and Reporting System), che comunica via satellite con la compagnia di appartenenza, e il transponder, il radar secondario che identifica il velivolo sui monitor dei controllori di volo. Perso immediatamente il contatto con i radar civili.