Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Alfano-Frontex-al-posto-di-Mare-Nostrum-Unione-Europea-in-Africa-5168abdd-8343-4159-a9b0-f5d65a7a2dce.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Davanti al Parlamento Europeo

Alfano: Frontex al posto di Mare Nostrum. UE sia più presente in Africa

Il ministro ha illustrato le due priorità della presidenza italiana sul fronte immigrazione: chiudere Mare Nostrum per sostituirlo con un Frontex potenziato e aumentare gli interventi nei Paesi di origine e di transito dei migranti

Condividi
Chiudere Mare Nostrum per sostituirlo con Frontex e avere un'Europa più presente nei Paesi da cui i migranti partono e transitano. Davanti al Parlamento Europeo il ministro dell'Interno Angelino Alfano illustra le due priorità dell'Italia durante il semestre di presidenza. 

Alfano: necessario potenziare Frontex
Le parole di Alfano non fanno che ricordare quanto sia centrale, per l'Europa, il tema delle frontiere. Se oggi l'emergenza è nel Mediterraneo in futuro il flusso potrebbe passare - come già avvenuto anni addietro - per le frontiere a est. Per questo servono una strategia integrata sia sul breve sia sul lungo periodo per agire in Africa, a livello di frontiere e sul suolo europeo. Per questi motivi, spiega Alfano, Frontex deve essere rafforzata. Tradotto: ha bisogno di più risorse. Pensionare Mare Nostrum non è quindi semplice, lascia intendere: servono sia una decisione politica degli Stati membri sia un incremento di risorse per l'agenzia deputata a gestire le frontiere esterne dell'Unione. 

Il dramma dei morti senza nome
Mentre nell'ennesimo naufragio sono stati recuperati i cadaveri di cinque migranti, inquieta il pensiero dei naufragi non registrati, dei morti senza nome che non entrano nei bilanci ufficiali. Un massacro di cui siamo complici, lo descrive senza mezzi termini Padre Giovanni La Manna - presidente del Centro Astalli, in prima linea per l'assistenza ai migranti - "Ognuno di quei morti - sottolinea il sacerdote - ha un nome e una storia che probabilmente non conosceremo mai. Essere nati in Paesi democratici e liberi non ci dà nessun privilegio, non fare nulla, rimanere indifferenti è una colpa gravissima di cui ci stiamo macchiando in maniera indelebile".