Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Alfano-In-Italia-53-foreign-fighter-sappiamo-chi-sono-e-dove-si-trovano-250df1ef-c8ca-4f42-8c35-a296fe4d6b20.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il ministro dell'Interno ad Uno Mattina

Terrorismo. Alfano: "In Italia 53 foreign fighter, sappiamo chi sono e dove si trovano"

"Non significa che sono 53 italiani, ma che sono passati dall'Italia in partenza o di ritorno" ha spiegato il titolare del Viminale che ha convocato per venerdì alle 9 e 30 l'informativa alla Camera dei deputati su rischi Italia

Condividi
Angelino Alfano
"In Italia abbiamo censito 53 foreign fighter: conosciamo la loro identità e sappiamo dove si trovano". A dirlo è il ministro dell'Interno Angelino Alfano che ha convocato per venerdì alle 9 e 30 l'informativa alla Camera su rischi Italia e ha aggiunto: "Non significa che sono 53 italiani, ma che sono passati dall'Italia in partenza o di ritorno". 

I foreign fighters, letteralmente combattenti stranieri, sono i cittadini con passaporti europei che scelgono di unirsi alle milizie dello Stato Islamico in Siria e in Iraq.

"Abbiamo pronta una legge per contrastare meglio i foreign fighter", ha quindi spiegato intervenendo ad Uno Mattina Alfano, "intendiamo colpire chi vuole andare a combattere nei teatri di guerra, non solo i reclutatori, vogliamo imporre un maggiore controllo di polizia su queste persone ed agire anche sul web, usato da chi si radicalizza".

"Bisogna dividere i criminali che hanno agito a Parigi dalla religione - ha concluso il ministro -. Un conto è la libera professione di una fede, un altro è tenere in ostaggio Dio per scopi criminali. Quelli che agiscono in questo modo prendendo a pretesto Dio sono bestie".