Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Allegri-juventus-addio-ai-social-una-cosa-normale-non-sono-per-tutti-6dc9e792-6d1e-49f5-9ffd-c42d62465732.html | rainews/live/ | true
SPORT

Profili chiusi

Allegri: addio ai social una cosa normale, non sono per tutti

Il tecnico della Juventus: "Con i social ci si nasconde, è un problema sociale"

Condividi
Massimiliano Allegri spiega il suo addio ai social network alla vigilia della trasferta di campionato contro il Napoli. "Trovo normale essere entrato sui social, altrettanto uscirne. Questo è un problema?", dice in conferenza stampa  il tecnico della Juventus.

"L'altra sera a cena ho scelto di uscire dai social - rivela -. Non sono mai stato un seguace dei social, mi ha meravigliato tutto questo clamore: scrivevo un messaggio a partita. Se non torniamo alla normalità, diventa tutto un problema: la normalità deve essere l'ordine del giorno".

"Con i social ci si nasconde, è un problema sociale"
"I social sono uno strumento valido, ma non per tutti. Questa è la verità, perché quando poi si legge di pedofilia o di stalking viene tutto dai social perché la gente si nasconde".  "Questo non è un problema che Allegri non capisce niente, che ci sta pure - aggiunge il tecnico bianconero -. È un problema sociale e non è per tutti, come tante cose della vita non sono per tutti".

"Critiche? Le accetto se non perdono di vista la realtà"
"Capita di perdere 2-0 all'andata, spiace per le reazioni che ci sono state perché si erano create aspettative per cui la Juve doveva andare con l'Atletico e vincere 3-0. Questo è da persone poco intelligenti e scollegate dalla realtà". Così Massimiliano Allegri commenta le critiche ricevuta dopo la sconfitta di Madrid nell'andata degli ottavi di Champions League. "Se mi hanno portato a fare riflessioni sul mio futuro? Riflessioni le faccio sempre, nell'immediato futuro e nel futuro più lungo. I social non li leggo, ho sentito in giro queste cose", ha proseguito il tecnico alla vigilia della sfida di Napoli.