Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Amministrazione-Biden-fa-causa-al-texas-legge-aborto-incostituzionale-65bd3bca-43fc-45d3-8655-63001e0cf559.html | rainews/live/ | true
MONDO

La mossa di Washington

Il governo degli Stati Uniti contro il Texas: "Legge sull'aborto anticostituzionale"

Il presidente in persona aveva attaccato la legge, assicurando che il diritto all'aborto "stabilito quasi cinquant'anni fa" sara' difeso e protetto da quella che ha definito la "legge radicale" entrata in vigore in Texas

Condividi
Merrick Garland (AP)
L'amministrazione Biden fa causa al Texas per la sua controversa legge che vieta l'aborto dalla sesta settimana, senza eccezioni neppure in caso di stupro o incesto. Lo ha annunciato il ministro della giustizia Merrick Garland, denunciando che il provvedimento viola le leggi federali ed e' "chiaramente anticostituzionale".

Il presidente degli Stati Uniti in persona, Joe Biden, aveva attaccato la legge, assicurando che il diritto all'aborto "stabilito quasi cinquant'anni fa" sara' difeso e protetto da quella che ha definito la "legge radicale" entrata in vigore in Texas. 

La Corte Suprema non si pronuncia
La Corte Suprema degli Stati Uniti aveva esaminato la legge del Texas ma non era arrivata ad alcuna decisione.

L'Alta Corte, molto divisa con quattro dei suoi nove giudici contrari alla decisione, non si era pronunciata sulla costituzionalità della legge, appena entrata in vigore, ma aveva invocato "questioni di procedura complesse e nuove".

Il ricorso alla Corte suprema era stato presentato d'urgenza, a ridosso dell'entrata in vigore di una restrittiva legge sull'aborto in Texas, che impedisce il ricorso all'interruzione di gravidanza dopo sei settimane, anche in caso di stupro o incesto.   

La decisione è stata presa grazie alla maggioranza di 5 giudici conservatori, dei quali tre sono stati nominati dall'ex presidente Donald Trump. Il capo della Corte, il conservatore moderato John Robert, si e' opposto assieme ai tre magistrati progressisti.   

La legge, firmata lo scorso maggio dal governatore repubblicano Greg Abbott, vieta l'interruzione volontaria di gravidanza dal momento in cui e' percepibile il battito del cuore dell'embrione, ovvero attorno alla sesta settimana di gravidanza. Secondo i sostenitori del diritto all'aborto, questo equivale a un divieto tout-court, visto che sono pochissime le donne che si accorgono di una gravidanza prima di sei settimane, soprattutto quando non e' voluta. L'unica eccezione prevista dal provvedimento texano, che è stato formulato in modo da evitare i blocchi legali disposti dai tribunali in altri Stati conservatori, è quella del pericolo per la salute della donna.