Original qstring: refresh_ce | /dl/archivio-rainews/articoli/Astroworld-Festival-Houston-Texas-calca-morti-07c129a7-b477-4c9c-8781-43dbf4935a90.html | rainews/live/ | true
MONDO

Texas

Tragedia al festival, otto morti. Il rapper Travis Scott: "Sono devastato"

Il commento su twitter dopo l'incidente durante il concerto all'Astroworld Festival di Houston

Condividi
Il rapper Travis Scott si dice "devastato" per la tragedia all'Astroworld Festival: "Le mie preghiere sono per le famiglie di tutte le persone coinvolte", afferma il rapper. Almeno otto persone sono morte schiacciate con più di 300 feriti durante una calca scoppiata mentre il rapper suonava sul palco. 

La dinamica della tragedia
Stando alle prime ricostruzioni la folla - erano presenti oltre 50mila persone - ha iniziato a premere verso il palco, travolgendo le persone nelle prime file, rimaste schiacciate. La polizia di Houston ha aperto un'inchiesta, ma al momento l'origine esatta dell'incidente non è stata ancora accertata; gli inquirenti stanno visionando le registrazioni video del concerto dalle quali emerge che molti avventori erano senza mascherina. L'edizione del 2021 del festival Astroworld si svolge in due giorni, ma i concerti previsti per la giornata di sabato sono stati tutti annullati.

"La folla ha iniziato a comprimersi verso la parte anteriore del palco, e questo ha causato un po' di panico, e ha iniziato a causare alcuni feriti", ha detto il capo dei vigili del fuoco. "Le persone hanno iniziato a litigare, a perdere conoscenza e questo ha creato ulteriore panico".

Lo spettacolo è stato annullato poco dopo che diverse persone hanno iniziato a subire lesioni. I soccorritori hanno trasportato 17 persone in ospedale, di cui 11 in arresto cardiaco. Molte persone sono state curate anche sul posto al NRG Park, dove era stato allestito un ospedale da campo.

L'evento era "sold out", secondo il sito web di Astroworld. I promotori avevano organizzato la presenza di unità mediche sul luogo, tuttavia una volta iniziata l'ondata di folla, quelle unità sono state "rapidamente sopraffatte", ha detto il capo dei vigili del fuoco di Houston intervenuti sul posto, Samuel Pena

Chi è il cantante Travis Scott 
Pseudonimo di Jacques Berman Webster II, Travis Scott, noto anche come La Flame o Cactus Jack, è un rapper e produttore discografico statunitense. Ventinove anni, pupillo di Kanye West, Scott ha all'attivo tre album in studio e sette nomination ai Grammy e una vita sentimentale sempre sui rotocalchi per via della sua relazione con Kylie Jenner, da cui ha figlia di 3 anni e un secondo bambino in arrivo.Nato a Houston in Texas, Scott frequenta la Elkins High School, dove si diploma a diciassette anni. Frequenta poi la University of Texas San Antonio, ma poco più tardi la abbandona per concentrarsi pienamente sulla musica.Si trasferisce a New York per dar inizio alla sua carriera. Ma la svolta arriva con il trasferimento a Los Angeles e l'incontro con T.I. prima e con Kanye West, dopo.

I precedenti
A Corinaldo (Italia) - La notte dell'8 dicembre 2018, nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, nelle Marche, è previsto un concerto del rapper italiano Sfera Ebbasta. Poco prima dell'arrivo dell'artista, alcune persone spruzzano nel locale dello spray al peperoncino causando panico tra la folla. Gli spettatori, a causa della chiusura di una delle due uscite d'emergenza, si dirigono in massa verso la porta sul retro del locale, che si affaccia su un ponte su un piccolo fossato. Durante la fuga, la balaustra del ponte cede facendo precipitare numerose persone nel fossato, molte delle quali restano schiacciate. Il bilancio è di 6 morti e 59 feriti.

A Cincinnati (Usa) - Il 3 dicembre 1979 The Who sono in cartellone a Cincinnati (in Ohio). Quando le porte dell'arena non vengono aperte all'orario prestabilito gli spettatori iniziano ad agitarsi. La tensione schizza alle stelle quando, sentendo il soundcheck della band, molti credonoo che il concerto sia già iniziato. La folla inizia a spingere le porte chiuse per cercare di entrare. Nella calca, 11 persone perdono la vita per asfissia, mentre altre 26 restano ferite. 

Monsters of Rock Festival (Inghilterra) - Il 20 agosto 1988 i Guns N' Roses si esibiscono davanti a più di 100.000 spettatori. Nessuno si accorge che 2 persone che si trovavano in mezzo alla folla sono state travolte e calpestate a morte. A nulla serve l'invito di Axl Rose che, dal palco, chiede al pubblico di calmarsi per permettere a tutti di vedere il concerto senza pericoli. La security ferma il concerto della band quando è già troppo tardi.

Roskilde Festival (Danimarca) - Il 30 giugno 2000, i Pearl Jam salgono sul palco del Roskilde Festival, uno dei più grandi e importanti dell'Europa continentale. L'evento si trasforma in tragedia quando, complice il terreno fangoso a causa della pioggia, alcuni ragazzi nelle prime file scivolano a terra. La band continua a suonare e il pubblicò a spingere senza accorgersi che le prime file vengono schiacciate dalla folla. Il bilancio è di 9 morti.

Rabat (Marocco) - Il 23 maggio 2009 11 persone muoiono a causa della calca che si forma all'uscita del Mawazine festival che porta a Rabat, in Marocco, molte star, tra cui Stevie Wonder, Kylie Minogue ed Ennio Morricone. La tragedia si verifica durante la serata conclusiva dei nove giorni di festival, dopo l'esibizione del cantante marocchino Abdelaziz Stati.

Duisburg (Germania) - La diciannovesima e ultima edizione della LoveParade, popolare festival di musica dance, passa alla storia come una delle più gravi stragi di spettatori in Europa degli ultimi 30 anni. Il 24 luglio 2010, 21 giovani muoiono e 510 restano feriti a causa del sovraffollamento vicino all'ingresso principale dell'area in cui si tiene l'evento, all'interno del tunnel di passaggio.

Santa Maria (Brasile) - Il 27 gennaio 2013, durante una festa universitaria con duemila giovani, nella discoteca Kiss, a Santa Maria, nel sud del Brasile scoppia un incendio a seguito di uno spettacolo di fuochi d'artificio. Le fiamme provocano il panico e le persone si affollano verso l'uscita: nella calca muoiono 231 persone.